Africa in movimento: ultime notizie di rilievo 1-6 settembre 2017

07.09.2017 10:40
 
 
 
Dove Dio è di casa
Editoriale Africa n°5-2017

 

In Ruanda ho visto una donna scampata al genocidio intonare una straziante nenia di preghiera nella chiesa crivellata di colpi dov’era stata sterminata la sua famiglia. In Congo ho visto un uomo inginocchiato sulla tomba del suo bambino, bruciato vivo sotto l’accusa di stregoneria lanciata da membri della sua stessa comunità...
 
 

La malaria, dopo anni, uccide una bambina italiana. In Africa, non si è mai smesso di morire

 

Il caso della bambina morta all’ospedale di Trento ha riportato all’attenzione in Italia il dramma della malaria. Dal 1970, il nostro Paese è inserito nell’elenco dei Paesi considerati indenni. Secondo i dati più recenti tra il 2011 e il 2015 si sono registrati solo 7 casi autoctoni.
 
 

Corea del Nord e Africa, attenti a quei due

 

L’Asia è il fronte sul quale combatte la sua guerra, ma l’Africa è la retrovia nella quale costruisce armi e relazioni diplomatiche. In silenzio, nonostante le sanzioni, la Corea del Nord ha creato una rete di collaborazioni industriali e politiche nel continente africano.

 

La Somalia agli Stati Uniti: «al Shabaab estrae uranio e intende venderlo all’Iran»

 

«Aiutateci a fermare l’estrazione dell’uranio da parte delle milizie al Shabaab». L’appello, rivolto agli Stati Uniti, è stato lanciato dal Governo di Mogadiscio...

 
 
Un tribunale svizzero: «Gli ex militari eritrei possono essere rimpatriati»

 

Gli eritrei che hanno terminato il loro servizio militare in patria potranno essere rimpatriati qualora la Svizzera respingesse le loro richieste di asilo. A deciderlo è stato un tribunale svizzero che, con la sua sentenza, ha dato vita a un precedente molto delicato.

 
 

BUONGIORNO AFRICA

Shock in Kenya, elezioni da rifare per sospetti brogli

 

L’annullamento delle elezioni in Kenya è una notizia preoccupante per due motivi. Ovviamente per ciò che potrà accadere nel paese dal punto di vista di disordini e violenze...

 
 

SOLIDARIETÀ

Ruanda, per non dimenticare il genocidio

 

Ruanda, primavera 1994: in meno di cento giorni, un milione di persone – in gran parte di etnia tutsi, ma anche Hutu moderati – vengono massacrate con machete, armi da fuoco, bastoni chiodati...

 
 

INSTAGRAM

Alle falde del vulcano Ol Doinyo Lengai

 

Immagine notturna di una colata lavica su un cratere dell’Ol Doinyo Lengai, alto 2962 metri (metà del Kilimangiaro). Il vulcano s’innalza sulle savane della Tanzania settentrionale da almeno 370.000 anni.