Dalla UE 15 milioni per sviluppare l’economia verde in sette paesi dell’Africa

14.02.2017 16:28

Il programma SWITCH Africa Green è stato lanciato già dal 2014 con l’obiettivo globale di sostenere la trasformazione verso un’economia verde inclusiva che generi crescita, posti di lavoro e riduca la povertà in Africa. Si tratta di un Flagship initiative, quei programmi che la UE ha voluto mettere in campo su temi specifici coinvolgendo un ampio gruppo di attori tra cui le organizzazioni internazionali, singoli stati membri e il settore privato profit. SWITCH Africa Green infatti vede il coinvolgimento di UNEP, UNDP, UNOPS, Unione Africana e Banca Africana per lo sviluppo AfDB. Il suo obiettivo specifico è l’adozione dipratiche di consumo e produzione sostenibili in 7 paesi africani: Burkina Faso, Etiopia, Ghana, Kenya, Mauritius, Sud Africa e Uganda. Il programma è composto da diversi strumenti specifici volti a supportare i settori chiave individuati: agricoltura, turismo, rifiuti e settore manifatturiero. Il bando pubblicato dalla UE alcuni giorni fa si riferisce in particolare a questi ambiti mettendo a disposizione unbudget di 15,5 milioni. La scadenza per la presentazione dei concept note è fissata per il 31 marzo 2017.

 

Questioni prioritarie
SWITCH Africa Green ha lo scopo di promuovere pratiche di consumo e produzione sostenibili che siano rilevanti per i contesti dei paesi di destinazione (politiche, programmi, settori prioritari) e che possano essere adottate da parte degli operatori privati con il supporto del programma. I progetti dovranno riguardare almeno uno dei seguenti temi prioritari:

  • Design per la sostenibilità ed eco-innovazione, ove possibile, con la tecnologia di produzione locale da adattare alle condizioni locali utilizzando concetti come Eco-design, Design for Recycling, Design per i poveri, etc.;
  • Pratiche che contribuiscono al consumo sostenibile: acquisti verdi, la sensibilizzazione dei consumatori e la commercializzazione di prodotti rispettosi dell’ambiente, l’uso di programmi di etichettatura ecologica, la prevenzione delle dichiarazioni ambientali fuorvianti e del greenwashing, ecc .;
  • Uso sostenibile – sistemi a ciclo chiuso in relazione al riutilizzo, sistemi di riparazione e riciclo; promozione di trattamento dei rifiuti da parte dei consumatori; prevenzione dei rifiuti (compresi i rifiuti alimentari);
  • Pratiche che contribuiscono al miglioramento dell’efficienza delle risorse (materiali, acqua, energia);
  • L’utilizzo di sistemi di gestione ambientale (ad esempio ISO 14001, EMAS, e altri) e l’applicazione di sistemi di contabilità ambientale;
  • Corporate Social Responsibility (CSR), reporting di sostenibilità;
  • Simbiosi industriale.

 

Gruppi target
I beneficiari finali di SWITCH Africa Green sono molteplici.

  • Le PMI compresi quelle dell’economia informale -che contribuiscono in misura molto significativa a creare posti di lavoro e mezzi di sussistenza in Africa- ed gli eco-imprenditori. Le grandi aziende non sono identificate come beneficiari del programma, ma l’impegno e le sinergie con le loro iniziative legate alle pratiche di consumo e produzione sostenibili sono incoraggiate;
  • intermediari commerciali e fornitori di servizi, per esempio associazioni di categoria, camere di commercio, federazioni PMI, centri di produzione nazionali ecc .;
  • Partner commerciali delle PMI, ad esempio rivenditori, istituti finanziari, centri di ricerca ecc .;
  • Sindacati e le associazioni dei lavoratori;
  • Organizzazioni dei consumatori;
  • Organizzazioni senza fini di lucro che mirano al perseguimento di uno sviluppo sostenibile, e istituzioni governative, autorità locali ed enti sponsorizzati dal governo che forniscono servizi di supporto per le PMI.

 

Dimensioni del co-finanziamento
Qualsiasi contributo UE richiesto nell’ambito del presente invito a presentare proposte deve essere compreso tra i seguenti importi minimi e massimi: 600 000 euro e 1 200 000 euro.
Percentuale minima: 50% del totale dei costi ammissibili dell’azione.
Percentuale massima: 90% del totale dei costi ammissibili dell’azione.

 

Eleggibilità
Il proponente dovrà essere una organizzazione aziendale (per esempio camera di commercio, associazione di settore, la federazione del commercio, organizzazione PMI), un’organizzazione di consumatori, un ente di ricerca / sviluppo, una organizzazione del lavoro, una organizzazione non governativa, un operatore del settore pubblico, un ente locale o un internazionale (intergovernativo) organizzazione come definita dall’articolo 43 del regolamento di applicazione del regolamento finanziario dell’UE.

 

Dovrà inoltre essere stabilito in uno Stato membro dell’Unione europea o essere stabilito in uno Stato membro dello Spazio economico europeo (Islanda, Liechtenstein, Norvegia), o essere stabiliti in uno dei seguenti paesi africani: Burkina Faso, Etiopia, Ghana, Kenya, Mauritius, Sud Africa e Uganda. Tale obbligo non si applica alle organizzazioni internazionali.

 

Dovrà inoltre essere direttamente responsabile della preparazione e gestione dell’azione e non agire come intermediario.

 

Modulistica e guidelines