Dopo Bir al-Abed maggiore vicinanza fra religioni

28.11.2017 10:14
 
 

Bir al-Abed: maggiore vicinanza fra religioni

A seguito dell’attacco terroristico a Bir al-Abed in Egitto, la volontà di intensificare la collaborazione è stata espressa alla comunità islamica in tutto il mondo anche da parte dei fedeli di altre religioni


Segnaliamo anzitutto un significativo messaggio da parte della Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (UCEI) Noemi Di Segniindirizzato a tutti musulmani italiani, “a voi che con quotidiane fatiche, partecipazione, dialogo e valori coltivate nella nostra società italiana la fiducia in un Islam che fa fiorire il deserto dell’ignoranza e della crudeltà”. “L’Islam moderato – afferma la presidente Di Segni - largamente maggioritario nel nostro paese e nel mondo, deve saperci guidare con ancora più determinazione in questa direzione” (leggi testo completo).
 
Trasmettiamo a seguire anche la traduzione italiana del comunicato stampa diramato da una piattaforma europea di recente costituzione, Il Consiglio Europeo per la Leadership Islamo-Ebraica (MJLC), di cui anche la COREIS Italiana fa parte.
 
 
L'attacco terroristico alla moschea Sufi di Bir al-Abed
 
Ancora una volta, un luogo di culto è divenuto teatro di un orrendo attacco terroristico. 235 musulmani in preghiera sono stati uccisi nella loro moschea, 109 persone sono rimaste ferite.
 
Lo European Muslim Jewish Leadership Council (MJLC) esprime il proprio cordoglio alle vittime e ai parenti più prossimi. Chiediamo a tutti i nostri fratelli e sorelle di pregare per il ristabilimento rapido e completo dei feriti.
I nostri pensieri vanno alla moschea Bir al-Abed e all'intera comunità musulmana all’indomani di questa atroce esplosione di violenza.
 
Il nostro Consiglio insiste nel rimarcare a tutta la società del mondo civile che tali azioni, nelle quali il Nome dell'Onnipotente, benedetto sia il Suo nome, viene usato in modo blasfemo, non hanno alcuna connessione con la fede islamica, che come il Cristianesimo e l’Ebraismo è una religione di pace e sincera benedizione per l'umanità.
 
Lo European Muslim Jewish Leadership Council (MJLC), di fronte ad atti efferati come questo aumenterà i propri sforzi per promuovere una più stretta relazione tra comunità islamica ed ebraica in tutta Europa. Una relazione che convinca i nostri cittadini che non vi è spazio per l'estremismo, la radicalizzazione e il terrorismo all'interno di una società civile.
 
Chiediamo a tutti i musulmani, ebrei e a tutte le persone di fede di unirsi a noi nello sforzo di abbandonare l'animosità e l'odio all'interno della nostra società, al suo interno come al suo esterno, per mostrare che la religione è qui solo per stabilire pace e prosperità.
 
Vienna, 25 novembre 2017 / 6-Rabi al-awwal-1439 / 8 ° Kislev 5778
 
The European Muslim Jewish Leadership Council (MJLC)

Mufti Nedzad Grabus, co-presidente, Lubiana 
Rabbino capo Pinchas Goldschmidt, co-presidente, Mosca 
Rabbino Lody B. van de Kamp, coordinatore, Amsterdam 
Imam Yahya Pallavicini, coordinatore, Roma 
 
Informazioni: Tel +31629070387/lbvdk@hotmail.com