MARTEDI' 9 FEBBRAIO 2016 a partire dalle ore 11,30 SIT- IN davanti al Consolato onorario Polacco di Genova in piazza Tommaseo.

08.02.2016 10:08
I federalisti genovesi hanno deciso di promuovere un sit-in davanti al Consolato onorario polacco di Genova, che si trova in piazza Tommaseo, per sensibilizzare la cittadinanza sulla grave situazione che si è venuta a creare in Polonia dopo la vittoria elettorale del partito euroscettico PIS (Diritto e Giustizia).
 
Il Sit-in si svolgerà
i federalisti genovesi hanno deciso di promuovere un sit-in davanti al Consolato onorario polacco di Genova, che si trova in piazza Tommaseo, per sensibilizzare la cittadinanza sulla grave situazione che si è venuta a creare in Polonia dopo la vittoria elettorale del partito euroscettico PIS (Diritto e Giustizia).
 
Porteremo le bandiere europee e uno striscione con la scritta
 "Per la vostra e la nostra libertà
frase che ai polacchi ricorda le loro lotte per la libertà.
 
Vi invitiamo ad essere presenti.
 
Chi non può essere presente alle 11,30 può raggiungerci più tardi:
il Sit-in terminerà alle 14
 
Ecco il testo del volantino che verra" distribuito
 
"
Con le ultime elezioni è andato al potere in Polonia un partito nazionalista
ed euroscettico (PIS – “Diritto e Giustizia”), che si è opposto alla
redistribuzione dei rifugiati fra i paesi della UE.

 

I primi provvedimenti interni del nuovo governo sono stati leggi che pongono
sotto controllo governativo la Corte Costituzionale e la radio-tv pubblica
e un decreto che estende i poteri di intercettazione e controllo della polizia
senza autorizzazione della magistratura.

 

Quando si abbandona la via maestra dell’Europa e ci si illude
di risolvere problemi che sono globali (economia, immigrazione,
difesa) riappropriandosi della cosiddetta “sovranità
nazionale”, inevitabilmente si è costretti a ricorrere a
provvedimenti autoritari e lesivi della democrazia.

 

E’ avvenuto così per il governo euroscettico ungherese, sta avvenendo
oggi in Polonia
 
Centinaia di migliaia di cittadini  polacchi hanno riempito le piazze
di più di 60 città per chiedere il rispetto dei principi democratici
sventolando le bandiere europee accanto a quelle polacche,
perché hanno compreso che democrazia e appartenenza
all’Europa sono strettamente legate.
Chiediamo ai cittadini genovesi di sostenere la protesta civile che in Polonia
il KOD (Comitato per la Difesa della Democrazia) sta portando avanti
in questi giorni e li invitiamo a sottoscrivere la lettera di protesta
che stiamo consegnando al Console onorario polacco.

 

 

SIAMO QUI PER DIFENDERE LA DEMOCRAZIA IN POLONIA E IN EUROPA

 

“  PER LA LORO E LA NOSTRA LIBERTA’  ”

 

 STATI UNITI D’EUROPA !