Presentazione del libro "Ringrazio che siamo vivi. Giovani stranieri in carcere" - Lunedì 4 Dicembre - Palazzo della Meridiana - Sala900 - Genova

21.11.2017 10:27

Un viaggio nelle prigioni con il più alto numero di stranieri per incontrare giovani che vivono a metà tra due mondi: un Paese di origine a cui non appartengono più e un’Italia che li ha cambiati più di quanto si aspettavano. Molti sono arrivati come minori non accompagnati, altri sono praticamente una seconda generazione mancata, che non ha portato a termine l’integrazione. Che vuol dire sentirsi italiano, magrebino, ecuadoriano o albanese? Che cosa vuol dire vivere la fede cattolica, evangelica, islamica oppure ortodossa in carcere? Il libro accosta con rigore il tema del carcere a quello degli stranieri, senza cadere in facili schematismi, analizzando anche da un punto di vista statistico le connessioni tra immigrazione e criminalità. Al tempo stesso l’autore compie una precisa scelta di campo: lavorare per il reinserimento e la prevenzione.

Ringrazio che siamo vivi - Genova.pdf (217017)