Rivoluzioni violate. Primavera laica, voto islamista

02.06.2014 09:04

Immagine in linea 2

Comunicato stampa

 

PRESENTAZIONE di

 “RIVOLUZIONI VIOLATE. PRIMAVERA LAICA, VOTO ISLAMISTA”

di GIULIANA SGRENA

giornalista e scrittrice

Venerdì 6 giugno, ore 17

Urban Center, via Carpenino

 

Il Comitato Dialoghi di Pace in Medio Oriente, di cui fanno parte il Comune della Spezia, l’Arci, L’Associazione Culturale Mediterraneo, la Caritas e il Gruppo Azione nonviolenta, e il Coordinamento Freedom Flotilla La Spezia e Massa Carrara organizzano, venerdì 6 giugno alle ore 17 nell’Urban Center di via Carpenino, la presentazione del libro di Giuliana Sgrena “Rivoluzioni violate. Primavera laica, voto islamista”. All’iniziativa collabora anche l’associazione Januaforum.

Le donne sono state le protagoniste indiscusse della Primavera araba. Con il loro attivismo e le loro rivendicazioni di diritti, dignità e parità di genere hanno segnato la modernità di quelle rivoluzioni. Ora, però, rischiano di diventare le prime vittime della controffensiva islamista.

Dopo la caduta delle dittature -laiche- e con l’avvio del processo democratico in Medio Oriente, i partiti di stampo religioso sono stati “legalizzati”. Questa apertura ha permesso loro di fare proseliti, di instaurare un clima oscurantista e misogino, e infine di vincere le elezioni, anche grazie ai petrodollari del Golfo, all’appoggio di Al Jazeera, allo spazio nelle moschee, al richiamo all’identità collettiva, fatta coincidere con l’appartenenza all’Islam. Tuttavia, i Fratelli Musulmani e gli altri gruppi religiosi non hanno retto alla prova del potere: sull’onda della protesta popolare sono stati estromessi con un golpe in Egitto e costretti a dimettersi in Tunisia. Mentre in Siria e in Iraq si consuma uno scontro epocale tra sciiti e sunniti, con conseguenze potenzialmente disastrose.

“Rivoluzioni violate” è un’analisi accurata e un racconto appassionato della complessa fase di controrivoluzione nei Paesi arabi. Giuliana Sgrena, giornalista inviata da numerosi teatri di guerra e autrice di numerosi libri, indaga le ragioni alla base dell’ascesa islamista e raccoglie le voci delle donne che intendono opporsi a una deriva teocratica che limiterebbe drasticamente le loro libertà. Perché la rivoluzione necessita di tempi lunghi, e in Medio Oriente è ancora presto per dichiarare estinta la speranza nel cambiamento.

                                
                                                                         

              Nello stesso giorno ore 21,00 - il libro verra´ presentato a Genova al Teatro ´Altrove´ - Piazzetta Cambiaso 1 - su iniziativa di Arci Liguria con la collaborazione di Januaforum - Sara´ presente l´autrice introducono Rachid Khay (Arci Liguria) e Sergio Schintu (Januaforum)