Sostenibilità e obiettivi dell’Agenda 2030 per enti locali, imprese e cittadini scegliendo il Commercio Equo e Solidale

03.11.2016 09:17


Evento a Torino sabato 5 novembre 2016


Milano, 2 novembre  2016 – Qual è il valore della sostenibilità oggi per le amministrazioni locali, le imprese e i cittadini? 
Come si può fare per promuovere e concretizzare gli obiettivi di sostenibilità globale proposti dall’Agenda 2030 e lanciati lo scorso anno dall’ONU, in vista dell’eliminazione della povertà, della riduzione dell’impatto del cambiamento climatico e per migliorare le condizioni di lavoro e creare città sostenibili?

Questi sono i temi dell’incontro in programma per sabato 5 novembre dalle 10.30 alle 13.00 al Sermig di Torino, presso la Sala Incontri dell’Ospiteria dell’Arsenale della Pace dal titolo "Sostenibilità sociale e ambientale per imprese e pubbliche amministrazioni–  esempi e pratiche per migliorare standard ambientali e responsabilità sociale”.

L’evento è organizzato da Equo Garantito, con il patrocinio del Comune di Torino che negli ultimi anni ha implementato diverse buone pratiche per aumentare la propria sostenibilità, anche attraverso il progetto Food Smart Cities for development con cui ha avviato la costruzione di una Food Policy locale seguendo l’esempio di Milano e di molte altre città europee, dando valore ad esperienze locali di produzione, consumo e distribuzione sostenibile di cibo.

Tra i relatori segnaliamo: 
Simone Ricotta, membro del Comitato di Gestione del Piano d’Azione Nazionale per il Green Public Procurement, esperto del Nuovo Codice degli appalti pubblici 2016, del quale tratterà le novità in tema di integrazione dei criteri ambientali e sociali,
Massimo Chiocca del CISE - Centro per l’Innovazione e lo Sviluppo Economico della Camera di Commercio Forlì Cesena, che gestisce una piattaforma delle imprese responsabili con quasi 1000 aziende, e spiegherà perché scegliere un approccio socialmente responsabile è una scelta vincente.
Un rappresentate del comune di Torino che approfondirà le buone pratiche dedicate al cibo e alla sostenibilità. 
Enrico Reggio – Ristorazione Solidale Altromercato, progetto specifico mirato a diffondere i prodotti Equo
Solidali all’interno del settore della ristorazione pubblica (scuole, università, ospedali) e dei distributori automatici, come avviene in  oltre 300 comuni (tra cui Roma, Milano, Torino), coinvolgendo più di 30 aziende di ristorazione e di distribuzione di prodotti alimentari e più di 60 Organizzazioni equosolidali locali. 

Al termine della tavola rotonda Equo Garantito presenterà i nuovi corsi di formazione gratuita online della piattaforma Fair Share dedicati al tema della sostenibilità e  della responsabilità sociale nelle scelte di aziende, amministrazioni pubbliche e cittadini e del marketing per l’impresa sociale. L’appuntamento è realizzato con il contributo della Fondazione Social.

Il Commercio Equo e Solidale è stato riconosciuto come strumento utile e importante per raggiungere obiettivi di sostenibilità e le scelte dei cittadini, così come quelle delle amministrazioni locali e delle imprese, nelle proprie pratiche quotidiane di acquisto di beni e materie prime così come nella scelta dei fornitori e la promozione dei diritti umani nelle filiere produttive - possono fare la differenza e creare modelli virtuosi per raggiungere davvero la sostenibilità a livello locale.


L’evento è ad ingresso libero.
Per informazioni scrivere a soci@equogarantito.org


Ufficio stampa
Pietro Raitano – Altreconomia/ufficio stampa Equo Garantito -ufficiostampa@equogarantito.org - 3396731818
Cristina Sossan – Equo Garantito - cristinasossan@equogarantito.org,  349 7829291