UNA TESTIMONIANZA DALLA REPUBBLICA CENTROAFRICANA

08.01.2014 09:31

MESSAGGIO CHE RICEVIAMO DA UN COMPONENTE DELLA "TAVOLA DELLA PACE LIGURIA" COORDINATA DAL COMUNE DI GENOVA

E INVIATO DA PATRICIA EMILIANI - MEDICO PRESSO IL MONASTERO DELLE BENEDETTINE DI BIMBO - REP. CENTROAFRICANA

 

/////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

GRIDATE ALL' ORRORE AIUTATECI

Invio questo messaggio, a tutti voi per segnalarvi la grave situazione umanitaria creatasi in quest’ultimo mese.

Bimbo dove opero è una città aperta oltre 50.000 persone vagano per le strade come fantasmi, le NU non si organizzano per soccorrere i civili, idem per OMS eternamente in riunione e inavvicinabile.

Le missioni cattoliche traboccano di profughi, maggiormente donne e bambini:

Gran Seminario di Bimbo: circa 20.000 persone,

Monte Carmelo Bimbo: oltre 4000 persone,

Postulato Comboniano 2000 persone,

Don Bosco a PK-10: 10.000 persone

Aeroporto Mpoko:40.000 persone

Arcivescovato a St. Paul: 20.000 persone

Monastero delle Benedettine Bimbo dove opero: abbiamo una media di 70/80 malati al giorno maggiormente bambini, le patologie primarie sono IRA (infezione respiratoria acuta) Malaria, malnutrizione grave, fratture, diarrea, vomito e anemie severe, nessun dei bimbi da noi testati supera i 6/7 g/dl di emoglobina.

 

Non abbiamo più farmaci ne cibo adeguato a risolvere le patologie più gravi e che compromettono dall’oggi al domani il processo vitale dei bimbi.

Sto curando patologie gravi con 3 compresse di paracetamolo 5 compresse di multi vitamine e un dosaggio minimo di antibiotico e antimalarico, prendo in considerazione solo bimbi con febbre superiore a 38° diarrea e vomito, gli altri vengono esclusi, ma so che i bimbi oggi esclusi, domani saranno gravi o morti. Assicuro a tutti che la descrizione da me fatta non rende minimamente l’idea di quello che sta realmente accadendo sotto gli occhi delle nazioni unite che come sempre sono chiuse nei loro super corazzati uffici eternamente in riunione.

 

I francesi hanno toppato completamente la missione, hanno disarmato tutta la seleka inclusa la seleka integrata nelle forze armate centrafricane ma non i balaka di bozize che stanno massacrando con il bene tacito dei francesi delle UN tutta la comunità musulmana con la quali conviviamo pacificamente da decenni, contrariamente ai cristiani, si fa per dire perché sono dei veri criminali senza scrupoli ai mussulmani è impossibile interrare i loro morti che marciscono nei giardini delle loro case. Ho visto donne musulmane alle quali i cristiani hanno tagliato i seni, gli uomini sono stati evirati, i bimbi orribilmente mutilati a colpi di machete. Quelli di voi che vivono a Roma andate a UNICEF dite loro di togliersi la paglia dal sedere e agire rapidamente o presto non ci saranno più bimbi che giustifichino la loro presenza nel paese.

 

La MISMA, l’Interforza Africana, sembra l’armata Brancaleone, sempre pronti a scappare e assolutamente inconcludenti.

 

OMS: Nessun appoggio in farmaci eternamente in riunione, ci costringono ad abbandonare il lavoro per stagionare nei loro uffici in attesa che la riunione finisca, suor Assunta e Monica di Amici del Centrafrica è una settimana che tutti i giorni vanno alla sede OMS, ma nessuno le ascolta, sono in riunione .

 

PAM e FAO nessuno li vede nessuna distribuzione di cibo, o distribuzione insufficiente a coprire le necessità minime, anche loro eternamente in riunione.

 

UNICEF, assolutamente inavvicinabile nessun cibo per i malnutriti nessuna speranza di farli uscire dai loro programmi tutti sprogrammati e assolutamente inefficienti a risolvere i problemi attuali. L’iter burocratico è sproporzionato ci fanno scrivere montagne di dichiarazioni e richieste che non vengono mai accolte e non servono a nessuno.

 

In conclusione, nelle strade dei quartieri rossi di massima allerta loro non si vedono, solo gli autisti corazzati nei loro giubbotti antiproiettili e in veicoli da 90.000,00 euro circola in modo isterico con la paura negli occhi.

Noi operatori umanitari che operiamo in questi quartieri, ci muoviamo senza alcuna protezione, nessun giubbotto ne casco per proteggerci dai proiettili vaganti che sono la causa del gran numero di morti tra la popolazione civile.

Scusate per le eventuali inesattezze sono giorni che non dormiamo, i nostri occhi sono rossi e brucianti idem per le gambe.

 

Hanno ripreso a sparare, vi lascio allegando una lista di prima necessita:

 

AIUTATECI A SALVARE I BAMBINI uniche vittime di questa grande e indifferente carneficina.

 

Buon Natale e Dio guidi il vostro cuore.

 

Patrizia