Africa in movimento: ultime notizie di rilievo 1-15 novembre 2017

16.11.2017 10:32

Africa in movimento: ultime notizie di rilievo 
 1-15 novembre 2017

 
 
Zimbabwe, il fedelissimo esercito si rivolta contro Mugabe

 

Alla fine l’esercito è sceso in campo. Non lo aveva mai fatto. Per quasi quarant’anni aveva fedelmente servito il presidente Robert Mugabe. Aveva ubbidito ai suoi ordini, anche quelli più assurdi e sanguinosi.
Chi conosce un po’ la storia dello Zimbabwe sa che fu proprio la 5a Brigata dell’esercito, guidata dagli istruttori militari nordcoreani, a macchiarsi di una delle peggiori stragi della storia africana.
 
 

10 novembre 1995, viene giustiziato lo scrittore ambientalista nigeriano Ken Saro-Wiwa

 

Il 10 novembre 1995 veniva giustiziato in una prigione nigeriana Ken Saro-Wiwa. Scrittore, poeta, attivista e produttore televisivo nigeriano, si era scagliato contro le multinazionali del petrolio, colpevoli di inquinare il Delta del Niger e quindi di affamare le popolazioni locali.
Una rivendicazione che gli ha attirato le ire del sanguinario dittatore Sani Abacha che lo ha incarcerato e poi lo ha fatto condannare a morte.
 
 

Processo storico in Sud Kivu, per la prima volta alla sbarra i responsabili di stupri di massa

 

Diciotto persone, tra le quali un politico locale, sono comparsi ieri, 9 novembre 2017, davanti a un giudice del tribunale di Kavumu nella Rd Congo.

 

Somaliland, al voto il Paese che non c’è

 

Lo Stato che, sulla carta, non dovrebbe esistere, torna alle urne per scegliere i suoi rappresentanti. Ex colonia britannica, sempre insofferente al potere centrale di Mogadiscio, è diventata indipendente nel 1991 poco dopo la caduta del regime di Siad Barre.

 
 
Non solo dighe, l’Etiopia scommette sull’energia che viene dalla terra

 

Non solo energia idroelettrica, l’Etiopia scommette anche sulla geotermia. Un consorzio di università britanniche e etiopiche sta compiendo indagini geologiche...