Africa in movimento: Ultime notizie di rilievo

05.09.2018 23:06
 
 

EDITORIALE AFRICA 

Il rischio di smarrirsi 

di Marco Trovato

Un tempo, arrivando in Africa avevo la sensazione di approdare su un altro pianeta, tanto mi appariva diverso il mondo che mi circondava. Oggi, quando atterro in una capitale del continente ritrovo scene e immagini familiari...
 

CONTINENTE  VERO

Il Senegal ha la febbre. Dell’oro

di Chiara Sgreccia

foto di Alessandro Cinque

Da quando, dieci anni fa, è stato scoperto il prezioso metallo nel sottosuolo senegalese, migliaia di uomini e donne sono accorsi nella zona dei giacimenti. Siamo andati a vedere come vanno le ricerche…

 
 

BLOG BUONGIORNO AFRICA

Caos in Libia: a Salvini non ne va una dritta

di Raffaele Masto

Ciò che sta succedendo in Libia demolisce le certezze paventate in questo periodo dal governo italiano e dal suo ministro dell’interno.

La Libia non è un “porto sicuro”, a differenza di ciò che ha ripetutamente detto Salvini. Anzi, è un porto molto pericoloso dove, di conseguenza, non possono essere rispediti i migranti soccorsi nel Mediterraneo.

 

“NERO SU BIANCO”
IL BLOG DI AFRICA

Una pericolosa foto fuori tema

di Mambulu Ekutsu

Appello al “Sole 24 Ore”: rimuovete quella foto fuorviante, che conferma l’equazione «straniero = nero = nullafacente alle spese dello Stato». L’informazione – a cominciare dalle immagini – è troppo cruciale, nell’attuale deriva razzista, per venire impiattata con faciloneria. Più ancora se si tratta di testate di prestigio.

 
 

MUSICA

Le nomination dell’Afrima 2018

Il cantante congolese Maître Gims e la cantautrice emergente sudafricana Shekhinah hanno ricevuto ben sette nomination ciascuno per la quinta edizione dell’All Africa Music Awards, AFRIMA, emergendo così come gli artisti musicali più promettenti e di successo nel panorama continentale.

 

VIDEO

Una Cappella Sistina tra le montagne dell’Etiopia

Se le chiese fossero valutate dal loro fattore di rischio, Abuna Yemata Guh sarebbe la nuova Cappella Sistina. Questa chiesa del V secolo è arroccata a 650 piedi di altezza nel cielo, sul volto di una guglia verticale di roccia.