Africa in movimento: ultime notizie di rilievo

07.09.2022 17:55
 

Le più gravi crisi internazionali degli ultimi anni hanno messo a nudo le fragilità delle economie africane. Ma la congiuntura sfavorevole potrebbe anche accelerare le riforme auspicate da tempo

 

Il paese dell’Africa australe ha consegnato più di 4 milioni tonnellate agli europei, ovvero il 15% delle esportazioni complessive sudafricane, un aumento notevole rispetto al 4% di un anno fa.

 

Cosa ha portato la scomparsa dell’Urss e quali sono state le conseguenze per chi deteneva il potere? I regimi alleati del blocco orientale, ad esempio, furono costretti a riformarsi o a cadere

 

In Eritrea, procede la campagna di nazionalizzazioni forzate di scuole e ospedali cattolici. Fonti della Chiesa hanno affermato che l’ultima struttura requisita è il collegio di Hagaz, gestito dai fratelli lassalliani

 

Le violenze jihadiste non fermano l’annuale restauro della Grande Moschea di Djenné in Mali. È il più grande edificio di fango al mondo e richiede ogni anno una meticolosa opera di risanamento

 

Per contrastare il crescente tasso di femminicidi e violenze, la campagna Girls on Fire insegna alle sudafricane a impugnare un’arma. Le donne sono il principale bersaglio di violenze terrificanti

 

A Lampedusa arrivano in lacrime, le foto dei figli sullo schermo del cellulare, i loro volti stampati sulle magliette: sono donne della Tunisia devastate dal dolore, alla ricerca dei dei loro ragazzi dispersi nel Mediterraneo

 

Si è spento pochi giorni fa all’età di 77 anni Edoardo Di Muro, geniale illustratore italiano che ha raccontato, come nessun altro, l’Africa in punta di matita. Edo ha trascorso la vita sulle strade del continente

 

Con il nuovo numero di Africa vi portiamo a São Tomé e Príncipe, Repubblica Democratica del Congo, Zimbabwe, Ghana, Marocco, Niger, Mali, Sudafrica, Angola, Senegal, Ruanda, Mozambico, Namibia…

 

Tonnellate di abiti dismessi dai nostri armadi finiscono in Africa occidentale, producendo inquinamento tessile. Leggi il servizio sul nuovo numero di Africa o abbonati approfittando delle promozioni in corso

 

Più di cinquecento anni fa visse tra l’Africa e il Giappone un guerriero, le sue gesta passarono alla storia e sono, ancora oggi, oggetto di studio e ricerche. Fu il primo africano ad aver ottenuto lo status di guerriero samurai

 

Ecco come preparare il delizioso Wali wa Nazi, un piatto swahili a base di riso e latte di cocco, popolare sulla costa africana dell’Oceano Indiano, in particolare nelle aree swahili come Zanzibar, Lamu, Malindi e Mombasa.