ASVIS - QUESTA SETTIMANA: Cogliere il vento della ripresa con obiettivi e strumenti che reggano nel tempo

08.05.2021 09:03

L’uscita dalla pandemia offre una occasione unica per attuare in Italia una politica di sviluppo sostenibile. La nuova Strategia deve indicare le modalità di coordinamento. La Conferenza sul futuro dell’Europa, occasione di riflessione.

 

di Donato Speroni

Possiamo paragonare il momento che stiamo vivendo all’immediato dopoguerra. Alle spalle lutti e devastazioni dell’apparato produttivo, ma una gran voglia di rimboccarsi le maniche e rimettersi a costruire. Una coalizione di partiti ideologicamente e culturalmente molto lontani, ma con obiettivi comuni. Un leader credibile, allora Alcide De Gasperi, oggi Mario Draghi. Un aiuto dall’esterno, allora il Piano Marshall, oggi il Next generatione Eu (Ngeu).

Il dopoguerra portò al cosiddetto “miracolo italiano”. La politica tornò presto a dividersi, ma la democrazia si consolidò, in un quadro certo di alleanze internazionali. Le disuguaglianze rimasero, soprattutto quelle tra Nord e Sud, ma il benessere si consolidò.

E oggi? Che cosa possiamo aspettarci dopo questa pandemia? Siamo attrezzati per un altro “miracolo”? Per rispondere, proviamo a partire da due recenti documenti governativi: il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) e la Relazione del ministero della Transizione ecologica (Mite) sullo stato di attuazione della Strategia nazionale di sviluppo sostenibile (SNSvS).

I tempi di elaborazione del Pnrr hanno impedito l’auspicabile confronto con la società civile prima dell’invio a Bruxelles del documento, ma l’ASviS presenterà la sua analisi del Piano in un webinar il 27 maggio, con la partecipazione di membri del governo.

Il 5 maggio è stato pubblicato il testo ufficiale del Pnrr. Nella premessa, firmata da Draghi, si sottolinea soprattutto l’importanza del Piano per favorire la crescita.

Per l’Italia il Ngeu rappresenta un’opportunità imperdibile di sviluppo, investimenti e riforme. L’Italia deve modernizzare la sua pubblica amministrazione, rafforzare il suo sistema produttivo e intensificare gli sforzi nel contrasto alla povertà, all’esclusione sociale e alle disuguaglianze. Il Ngeu può essere l’occasione per riprendere un percorso di crescita economica sostenibile e duraturo rimuovendo gli ostacoli che hanno bloccato la crescita italiana negli ultimi decenni.

Continua a leggere >>>

SAVE THE DATE - 27 maggio:
evento ASviS sul Pnrr e l'Agenda 2030

L'evento, organizzato dall'Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile, sarà l'occasione per presentare la prima riflessione integrale sul Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), aggiornata rispetto al Rapporto del 9 marzo, e per illustrare gli impegni di esponenti chiave del Governo protagonisti nell’implementazione del Piano. Seguirà un panel, a cura di FUTURAnetwork, per riflettere su quali siano gli strumenti per trasformare l’attuale modello di sviluppo, in un'ottica di scenari futuri. L'iniziativa si inserisce nel percorso di avvicinamento al Festival dello Sviluppo Sostenibile,
che si terrà dal 28 settembre al 14 ottobre 2021.

Come è tutelata l’acqua nel Piano di ripresa e resilienza?
Durante la puntata del 3 maggio della rubrica ASviS “Alta sostenibilità” in onda su Radio Radicale, si è discusso della gestione e della tutela dell'acqua, un bene imprescindibile alla vita la cui definizione giuridica è ancora incerta. La trasmissione, condotta da Valeria Manieri e Ruggero Po, ha avuto come ospiti: Federica Daga, deputata Movimento 5 stelle, componente della commissione Ambiente, territorio e lavori pubblici, Luigi Di Marco, referente del Gruppo di lavoro ASviS sul Goal 6 (Acqua pulita e servizi igienico-sanitari), e Rosario Lembo, presidente del Comitato italiano contratto mondiale sull'acqua.

Partecipa alla call per aderire
alla terza edizione di Innovation Village Award

Rimarranno aperte fino al 30 giugno le candidature per il concorso annuale che valorizza le esperienze di innovazione sostenibile realizzate nei territori in grado di apportare un contributo per il raggiungimento degli Obiettivi fissati dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Il premio – giunto alla sua terza edizione – è istituito e sostenuto da Knowledge for Business, da ASviS, e da Enea, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

Prendi parte al bando di Forum PA e ASviS
per premiare le migliori iniziative sostenibili

Mancano sette giorni alla chiusura delle candidature per “PA sostenibile e resiliente 2021”, il riconoscimento promosso dalle due organizzazioni per valorizzare i progetti più virtuosi nel misurare, comunicare, formare e fare rete sulle tematiche della sostenibilità. Le proposte candidate dovranno essere presentate entro il 14 maggio 2021 attraverso l’apposito modulo.
Il premio si inserisce nella più ampia manifestazione Forum PA 2021, che si terrà dal 21 al 25 giugno. Leggi il regolamento e iscriviti attraverso l’apposito modulo.