ASVIS - QUESTA SETTIMANA - Dal Faro di Ventotene al Parlamento di Strasburgo: che Europa vogliamo?

28.11.2023 15:06

Il Parlamento europeo approva la risoluzione sulla modifica dei trattati, per un’Unione con più forte capacità d’azione. Urgente il rilancio di un dibattito pubblico sul futuro dell’Europa verso le elezioni europee 2024.

di Luigi Di Marco

Dando seguito alle proposte della Conferenza sul futuro dell'Europa, il 22 novembre il Parlamento europeo in sessione plenaria ha approvato la risoluzione sulla modifica dei trattati europei. Al di là dei contenuti, importanti, delle proposte votate dal Parlamento, va segnalato come il processo avviato con la Conferenza (chiusasi l’8 maggio 2022), che secondo molti non avrebbe prodotto risultati, stia invece procedendo, anche se con tempi rallentati a causa della priorità assegnata dalle autorità europee alla gestione della pandemia prima e della guerra in Ucraina dopo.

Le proposte di modifica messe nero su bianco a partire dal vigente testo del Trattato di Lisbona hanno raccolto “formalmente” un’adesione ampia dei gruppi politici del Parlamento, da sinistra e verdi fino al Partito popolare europeo (Ppe), ma al momento del voto finale lo scarto tra i voti favorevoli e quelli contrari alle proposte di modifica è stato molto meno ampio di quello che avrebbe dovuto essere: infatti, la risoluzione è stata approvata con 291 voti favorevoli, 274 contrari e 44 astensioni. Si tratta di un altro segnale della divaricazione che si sta registrando tra le forze dell’attuale maggioranza su questioni centrali per il futuro dell’Unione, come il Green Deal (si veda il recente voto sulla questione degli imballaggi e dello stop ai fertilizzanti).

Il Parlamento europeo spiega nelle premesse come la scelta di modificare i Trattati sia necessaria per rimodellare l'Ue in modo da rafforzarne la capacità di azione, nonché la legittimità democratica e l'assunzione di responsabilità anche al fine di far fronte più efficacemente alle sfide geopolitiche. L’inadeguatezza del processo decisionale dell’Unione appare evidente specialmente in seno al Consiglio, composto oggi da 27 Stati membri ognuno dei quali, su molte materie rilevanti, ha il diritto di veto. In particolare, il Parlamento considera inevitabile una riforma a favore del voto a maggioranza anche nella prospettiva di futuri allargamenti ad altri Stati, che potrebbero complicare ulteriormente l’efficacia e la rapidità di risposta dell’Unione nell’assunzione delle decisioni.

Continua a leggere >>>
Scopri il quarto Policy brief ASviS sul disegno di Legge di bilancio
La manovra 2024 non prepara l'Italia alle grandi sfide della transizione ecologica e, dei 24 miliardi di euro previsti, quasi 16 sono a carico delle future generazioni. È quanto evidenzia il documento presentato al terzo incontro dedicato al Rapporto ASviS. Il 6 dicembre l'ultimo evento, sulle sfide ambientali.
Position paper ASviS su Pnacc e insediamenti urbani,
il lancio il 30 novembre

Il documento, realizzato dal Gruppo di lavoro sul Goal 11 “Città e comunità sostenibili”, offre analisi e proposte sul Piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici. L’evento si svolgerà presso l’Università Roma Tre.
13 dicembre - Presentazione del Rapporto ASviS Territori 2023
Scopri il programma e metti l'evento in agenda

Il documento illustra la posizione degli enti locali italiani rispetto al raggiungimento degli Obiettivi dell'Agenda 2030. Previsto un dialogo tra Enrico Giovannini e Raffaele Fitto, ministro per gli Affari europei, il Sud, le politiche di coesione e il Pnrr.
Carne coltivata: prospettive oltre il divieto.
Contrari e favorevoli a confronto

Proteggere settore agroalimentare e salute dei cittadini o impedire avanzamento di ricerca e sviluppo su prodotti innovativi? Ad Alta sostenibilità: De Carlo (FdI), Magi (+Europa) e Di Marco (ASviS). Conducono Speroni e Viettone.

La prossima puntata sarà dedicata al Policy brief ASviS sul disegno di Legge di bilancio 2024.
Fino al 26 novembre la Settimana di educazione alla sostenibilità
Partecipa alle iniziative che si terranno nell'ambito della nuova edizione organizzata dal Comitato nazionale per l'educazione alla sostenibilità! Anche l'ASviS aderisce alla campagna, mettendo a disposizione gratuitamente il Corso e-learning “L’Agenda 2030 e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile” per tutta la settimana.

 

Contatti

Associazione di Promozione Sociale Januaforum

Sede legale- c/o Confcooperative Liguria - Via Varese 2
16129 Genova
Sede Operativa- Palazzo Lauro-Piazza della Nunziata 5
c/o Cofoundry - quarto piano

Mobile: +393474403469 - Segreteria e Coop. Sviluppo
+393482269515 - Resp. Progetto Casa
+393939410121 - Presidenza

Corsi di formazione

Questa sezione è vuota.