ASVIS - QUESTA SETTIMANA - Delusione a Bonn, ma non possiamo permetterci il fallimento dei negoziati sul clima

24.06.2022 18:50

Che cosa impedisce di muoversi con efficacia contro la crisi climatica? Incidono la guerra, gli egoismi nazionali, ma forse anche un atteggiamento psicologico che qualcuno fa risalire a Freud.

di Donato Speroni

Bonn climate change conference makes progress in several technical areas, but much work remains.

“C’è ancora molto da fare, al di là di qualche progresso tecnico”: la frase ufficiale che riassume i risultati della Conferenza di Bonn conclusasi il 16 giugno ne rivela il sostanziale fallimento. Ci si aspettava molto da questo incontro, che doveva preparare gli accordi in vista della Cop 27 di Sharm el-Sheik di novembre, ma come riassume la cronaca pubblicata sul nostro sito, non ci sono stati progressi significativi e adesso si confida in qualche miracolo da parte della presidenza egiziana della prossima Conference of parties.

La questione cruciale sembra essere quella dei soldi. I Paesi più industrializzati hanno una responsabilità storica perché con le loro emissioni hanno provocato buona parte dell’accumulo di gas climalteranti nell’atmosfera. A questo punto non basta che diventino virtuosi, accelerando sul risparmio energetico e sulla transizione alle fonti rinnovabili. Buona parte dell’aumento della domanda di energia dei prossimi anni proverrà dai Paesi meno ricchi, che ne hanno bisogno per crescere e chiedono di essere aiutati finanziariamente per poter ricorrere a fonti meno inquinanti ma generalmente più costose.

A questo scopo fin dal 2009 era stata decisa la creazione di un Green climate fund di 100 miliardi di dollari all’anno, che avrebbe dovuto essere operativo dal 2020, ma che stenta a decollare e che probabilmente non basterà comunque, se si considerano anche le ingenti spese necessarie in molti Paesi per l’adattamento ai cambiamenti climatici. Si pensi alle tante aree del Sud del mondo, piccole isole ma non solo, che rischiano di essere sommerse dall’innalzamento dei mari e che richiedono trasferimenti di popolazione e ricostruzione di intere città, come sta già avvenendo per esempio a Giacarta, la capitale dell’Indonesia, definita dalla Bbc “la città del mondo che affonda più rapidamente”, situazione che ha spinto il governo locale a decidere di cambiare capitale: ne verrà costruita un’altra da zero, sull’Isola del Borneo, che si chiamerà “Nusantara” (ovvero “arcipelago”).

Perché non si riesce a mettersi d’accordo?

 

Continua a leggere >>>
 
VIDEO

di Elis Viettone. Grafiche e montaggio di Francesca Spinozzi
Il meglio dell'ultimo ASviS Live in tre minuti
La politica deve avere il coraggio di misurarsi sul tema sfidante dell'immigrazione, senza cedere alla tentazione di facili slogan. Analisi e proiezioni demografiche al quarto ASviS Live organizzato da FUTURAnetwork. Leggi la cronaca dell'evento.
Festival Sviluppo Sostenibile: ecco come candidare il tuo evento
Alcune indicazioni per compilare correttamente l'applicazione per iscrivere la tua iniziativa al Festival dello Sviluppo Sostenibile. Quest'anno, la manifestazione si terrà dal 4 al 20 ottobre. Registra subito il tuo evento.
 
Referendum tra quorum e raccolta firme,
gli ostacoli alla partecipazione
L'istituzione referendaria sconta una sempre maggiore disaffezione alle urne. Quali riforme affinché sia più efficace? Ospiti Cheli (giurista), Spadaccia (già parlamentare Radicale) e Ricevuto (ASviS). In studio Viettone e Manieri.

PROSSIMA PUNTATA: Emergenza idrica e desertificazione, tra piano di adattamento alla crisi climatica, l'allarme degli agricoltori e il fallimento delle trattative a Bonn. Ospiti: Muroni (Commissione ambiente alla Camera), Federico (ASviS), Francia (Cia).
Aperto fino al 20 luglio il bando "Bella storia. La tua."
Il progetto promosso da Fondazione Unipolis e patrocinato dall'ASviS è rivolto a studentesse e studenti che frequentano il secondo anno della scuola secondaria di II grado nelle regioni Calabria e Campania. Le candidature selezionate avranno la possibilità di partecipare a un percorso di crescita personale e culturale realizzato dall'organizzazione.
Executive master in Filantropia, Csr e grant making
Sono aperte fino al 29 luglio le iscrizioni al corso formativo organizzato da Saa-School of management dell’Università di Torino e di cui ASviS è partner. L’obiettivo è quello di formare esperti capaci di guidare imprese e fondazioni a investire in soluzioni ai problemi della società. Il master avrà inizio il prossimo 16 settembre.