ASVIS: QUESTA SETTIMANA - Di fronte a una guerra che si cronicizza dobbiamo salvare la qualità del dialogo

13.05.2022 16:20

Il clima bellico incattivisce il dibattito politico e avvelena anche la cultura. Eppure ci sono scelte da portare avanti senza indugio, su ambiente ed Europa. Il governo deve dimostrare di avere la forza necessaria.

di Donato Speroni

Nell’aprile del 1977, una squadra di operai che stava scavando le fondamenta per la costruzione di una banca al centro di Parigi, si imbatté nei resti di alcune teste scolpite nel tredicesimo secolo. Riemerse così una vecchia storia di intolleranza, ricordata da E.H Gombrich nell’ultima edizione della sua “Storia dell’arte”. Quelle teste appartenevano alle statue dei re del Vecchio Testamento che ornavano la cattedrale di Notre Dame. Nel corso della Rivoluzione francese la folla, pensando si trattasse dei ritratti dei passati monarchi di Francia, oltre al sovrano Luigi XVI in carne e ossa decapitò anche le statue della cattedrale, che furono restaurate solo molti anni dopo.

Non solo i Budda di Bamiyan fatti saltare dai talebani nel 2001, non solo i gravissimi danni inflitti dall’Isis al sito archeologico di Palmira nel 2013: anche la civilissima Europa ha avuto le sue fasi di intolleranza che prendevano di mira le opere d’arte in omaggio a una concezione del politically correct in vigore a quel tempo. Appartengono allo stesso modo di pensare l’abbattimento delle statue del “colonizzatore” Cristoforo Colombo nelle città degli Stati Uniti e la censura esercitata nei confronti di Dostoevskij annullando un corso alla Bicocca di Milano.

Rischiamo di perdere il senso della storia e la capacità di inquadrare le opere nel contesto dell’epoca. Correggere il libretto del “Ballo in maschera” di Giuseppe Verdi, come sta avvenendo alla Scala di Milano, perché contiene la frase “dell’immondo sangue dei negri” è come censurare “Il mercante di Venezia” di Shakespeare perché l’ebreo Shylock è un personaggio odioso.

Queste considerazioni mi sono suggerite dalla percezione che viviamo in tempi difficili, incattiviti dalle crisi, con la prospettiva di una guerra che potrebbe durare a lungo e avvelenare non solo i rapporti internazionali, ma anche le relazioni all’interno della nostra comunità e rendere più aspri i dibattiti, attizzando un clima di generale intolleranza.

Continua a leggere >>>
Le proposte dell’ASviS per migliorare la qualità dell'aria
"L'inquinamento dell'aria è un problema altrettanto grave quanto il cambiamento climatico, ma è molto meno sentito". Il nuovo Position Paper dell'Alleanza, redatto dal sottogruppo “Qualità dell'aria” del Gruppo di lavoro dell’ASviS sul Goal 11 (Città e comunità sostenibili), offre analisi e proposte sul tema dell’inquinamento atmosferico nel nostro Paese, uno dei principali fattori di rischio ambientale per la salute.
Al via la 2a edizione della scuola ASviS
per il benessere e il futuro dei territori

Sono aperte fino al 1° giugno le iscrizioni per il percorso formativo su governance sostenibile e corretta gestione dei fondi del Pnrr, rivolto alle amministrazioni locali. L’iniziativa è organizzata dall'Alleanza in collaborazione con Fondazione Enel, Rus e altri soggetti locali e con la partecipazione di Anci, Upi, Ali e le Regioni. Sulla pagina dedicata sono disponibili i bandi per Lazio Puglia, ma la scuola è aperta a partecipanti da tutto il Paese. Previste borse di studio offerte dalla Fondazione Enel.
SAVE THE DATE - 23 MAGGIO
Il futuro dell’Europa, del multilateralismo e della pace

Il terzo evento “ASviS Live”, tappa di avvicinamento alla sesta edizione del Festival dello Sviluppo Sostenibile, avrà l'obiettivo di approfondire il tema della risoluzione pacifica e costruttiva dei conflitti, a partire da una riflessione sull'aggressione russa all'Ucraina e sulle parole espresse da papa Francesco nell'Enciclica "Fratelli tutti". L'incontro, che verrà diffuso in diretta streaming, si terrà presso il Salone del Libro di Torino lunedì 23 maggio alle 13.15 e darà il via alle candidature degli eventi del Festival.
Alta sostenibilità - Aumenta l’occupazione ma anche gli inoccupati: quanto pesa l’effetto Yolo
Durante la puntata del 9 maggio della rubrica ASviS “Alta sostenibilità”, in onda su Radio Radicale, si è discusso dei cambiamenti che attraversano il mondo del lavoro e della crescita delle disuguaglianze. La trasmissione, condotta questa settimana da Valeria Manieri ed Elis Viettone, ha avuto come ospiti Marco Bentivogli (Base Italia), Chiara Giovenzana (Segretariato ASviS), e Luciano Monti (docente Luiss).

La prossima puntata sarà dedicata alle proposte emerse dalla Conferenza sul futuro dell'Europa. Parteciperanno, tra gli altri, Luigi Di Marco (curatore ASviS della rubrica "Ue e Agenda 2030") e Alberto Martinelli (studioso di scienze sociali).
Scopri i materiali ASviS di Educazione allo sviluppo sostenibile
Il 12 maggio si è tenuto il convegno "Obiettivo prosocialità", frutto della collaborazione tra l'associazione Sulleregole e il Museo della Scuola e dell’educazione "Mauro Laeng", in cui è stata offerta una panoramica sui materiali didattici aderenti alla visione dell'Agenda 2030, tra cui il Kit didattico ASviS-Sulleregole. Scopri di più sul Kit e sui tanti materiali e iniziative di Educazione allo sviluppo sostenibile dell'Alleanza: buone pratiche, corsi, piattaforme, cartoni animati e molto altro ancora!