ASVIS - QUESTA SETTIMANA - È sul fronte dell’informazione la battaglia che tutti dobbiamo combattere

11.04.2022 11:50

I russi non conoscono la realtà della tragedia ucraina; molti italiani hanno idee sbagliate sulla crisi climatica. Censura e fake news distorcono la percezione, vanno contrastate con la conoscenza e la partecipazione.

di Donato Speroni

Lo hanno scritto in molti: l’invasione russa dell’Ucraina ha scatenato una doppia guerra. La prima si combatte sul campo, la seconda sui mezzi di informazione. La propaganda ha da sempre accompagnato i conflitti, ma in questo caso colpisce la sproporzione delle condizioni. Nei Paesi liberi abbiamo accesso a tutte le notizie e le dichiarazioni diffuse da entrambe le parti. In Russia, il Cremlino mantiene un ferreo controllo: nonostante i terribili eccidi che le sue truppe compiono in Ucraina e le sconfitte sul campo, Vladimir Putin non sta affatto perdendo il suo supporto tra la popolazione russa. È facile spiegare che questo si deve al totale dominio sui mezzi di comunicazione di massa: social media bloccati, stampa di opposizione chiusa, televisione completamente controllata dal regime.

Accanto agli indispensabili aiuti all’Ucraina che combatte, sarebbe importante riuscire a perforare questa barriera offrendo alla popolazione russa una informazione credibile e alternativa. Lo si è fatto durante la Guerra fredda con Radio free Europe, che trasmetteva al blocco sovietico in una ventina di lingue. I comunisti contrattaccavano con Radio Tirana, anche in italiano, che trasmetteva musiche balcaniche, come cantava Franco Battiato, ma anche tanta propaganda, udibile persino in Africa e in Sud America. Radio free Europe esiste ancora, e diffonde anche istruzioni per bypassare il blocco delle trasmissioni voluto da Mosca, ma evidentemente non basta per raggiungere la popolazione russa. Oggi certamente esistono mezzi più sofisticati, ma non mi sembra che a questo tema si dedichi adeguata attenzione.

In un contesto che (per fortuna) è totalmente diverso, la distorsione delle informazioni riguarda anche l’Italia.

Continua a leggere >>>
Il Pnrr può fare da ‘booster’ ma è decisivo il ruolo delle imprese
Durante la puntata del 4 aprile della rubrica ASviS “Alta sostenibilità”, in onda su Radio Radicale, si è discusso di come accelerare la costruzione di una strategia condivisa a livello europeo sui grandi temi. La trasmissione, condotta questa settimana da Valeria Manieri ed Elis Viettone, ha avuto come ospiti Andrea Bonicatti (Relazioni istituzionali internazionali in ASviS), Antonia Carparelli (docente all'Università Lumsa di Roma) e Tiziano Treu (presidente del Cnel).

La prossima puntata, che dà seguito all'ASviS Live del 5 aprile, sarà incentrata sulla riforma costituzionale che ha introdotto nella Carta la tutela dell’ambiente nell’interesse delle future generazioni
. Parteciperanno Marcella Mallen (presidente dell'ASviS), Dario Parrini (presidente della Commissione affari costituzionali del Senato della Repubblica) e Mauro Del Barba (deputato).

Scarica il Rapporto ASviS su Pnrr e
Legge di Bilancio e sviluppo sostenibile

Il Rapporto dell’Alleanza fa il punto sugli effetti del Piano nazionale di ripresa e resilienza e della Legge di bilancio sui 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile. Insufficienti ambiente, povertà, parità di genere e lavoro. Bene salute e istituzioni. Il documento è stato presentato il 31 marzo durante il primo evento ASviS Live, verso il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2022.

Prorogata la scadenza
per iscriversi al bando 2022 di Forum PA e ASviS

Rinviato alle ore 17 del 22 aprile il termine per presentare la propria candidatura al concorso “PA sostenibile e resiliente 2022”, il riconoscimento promosso dalle due organizzazioni per valorizzare i progetti più virtuosi nel misurare, comunicare, formare e fare rete sulle tematiche della sostenibilità. Scopri anche la nuova rubrica ASviS-Forum PA per una Pubblica amministrazione sostenibile.

Su RaiPlay tutte le puntata della rubrica "Il glossario della sostenibilità"
L'iniziativa, in collaborazione con l'ASviS, Rai Per il Sociale e Ferpi, ha portato sul piccolo schermo delle pillole per spiegare il concetto di sviluppo sostenibile. Le parole chiave legate all'Agenda 2030 dell'Onu sono state raccontate durante la trasmissione "Uno Mattina in Famiglia", in onda su Rai1 nel weekend, attraverso esempi virtuosi. Questi approfondimenti settimanali hanno via via composto un vero e proprio “Glossario della Sostenibilità”, ora interamente disponibile su Rai Play.