ASVIS - QUESTA SETTIMANA: I censimenti del 2020/21 sono un’occasione per riflettere sul futuro dell’Europa

08.01.2021 17:45

I conteggi decennali in corso in vari Paesi confermeranno che l’Unione sta invecchiando e che deve affrontare i problemi che ne derivano: l’immigrazione, la valorizzazione dei giovani, ma anche il ruolo di un numero crescente di anziani.

di Donato Speroni

Negli anni che finiscono per zero o per uno il mondo si conta: quasi tutti i Paesi svolgono i loro censimenti decennali. Quelli che hanno sistemi statistici più evoluti, come l’Italia, sono in grado di sostituire questa complessa rilevazione con un “censimento permanente” che integra i dati anagrafici con rilevazioni campionarie, anziché contattare tutta la popolazione con indagini sul campo. Ma nel complesso la scadenza decennale offre l’opportunità di conoscere la distribuzione territoriale e le caratteristiche della popolazione di ciascun Paese, con rilevanti conseguenze politiche. Per esempio, negli Stati Uniti il censimento del 2020, i cui dati saranno resi noti dall’aprile 2021, servirà a ridefinire l’attribuzione dei seggi della Camera e sulle modalità di svolgimento del Census si registrano spesso feroci polemiche tra Democratici e Repubblicani, soprattutto per quanto riguarda i criteri di enumerazione delle fasce più povere (e più difficili da contare) della popolazione.

Sui censimenti in Europa citiamo dall’Economist Espresso, la lettera quotidiana che la rivista inglese riserva agli abbonati:

Quest'anno quasi tutti i Paesi europei faranno il censimento, per aiutare i governi a programmare il futuro. Sessanta anni fa la popolazione dell'Unione europea a 27 era il 12% del totale della popolazione mondiale. Oggi è il 6% e nel 2070, se i censimenti non riveleranno sorprese, si sarà ridotta al 4%. Molti Paesi europei hanno un'immigrazione quasi nulla e molta emigrazione; da diversi anni la popolazione sta diminuendo. Senza l'immigrazione la popolazione europea si restringerà perché le morti superano le nascite. Inoltre, le popolazioni stanno invecchiando: secondo le proiezioni attuali, la popolazione in età da lavoro sarà solo del 18% nel 2070 mentre quella di età di 65 anni o più sarà del 30% rispetto al 20% attuale. Qualcuno afferma che si tratta di una buona cosa: le risorse del pianeta sono già messi a dura prova. Ma comunque se la popolazione è composta prevalentemente di pensionati costosi anziché di lavoratori che pagano le tasse, si pone un problema di sostenibilità economica.

Continua a leggere >>>

Ultimi giorni per iscriversi alla "Innovability School",
percorso formativo per start-up sulla sostenibilità


In scadenza le iscrizioni alla scuola di alta formazione per l'innovazione e la sostenibilità organizzata dall'ASviS, in collaborazione con Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia (attraverso Uniser), Fondazione Enel, Fondazione Lars Magnus Ericsson e la Rus. L'Innovability School offre un percorso di formazione e affiancamento delle start-up che riconoscono nello sviluppo sostenibile un modello di business per ottenere risultati positivi, soprattutto in termini di creazione di valore da parte delle imprese. Previste per i partecipanti selezionati delle borse di studio “Full Scholarship”. Iscriviti entro il 10 gennaio .

Alta Sostenibilità: serve un piano al 2050 e capire come ridurre i consumi

Il problema demografico e la crescita dei consumi minano l’equilibrio ambientale.
Se ne è discusso su Radio Radicale ad Alta Sostenibilità, la rubrica dell'ASviS in onda ogni lunedì alle 12:30, condotta da Valeria Manieri e Ruggero Po, con gli ospiti Roberto Paura, presidente dell'Italian institute for the future, Eleonora Rizzuto, fondatrice e presidente dell’Associazione italiana per lo sviluppo dell'economia circolare, e coordinatrice del GdL ASviS sul Goal 12 dell'Agenda 2030, e Donato Speroni, referente del Segretariato ASviS nel Gruppo di lavoro sui Goal 7, energia pulita e accessibile, e 13, lotta contro il cambiamento climatico.

Aperte le iscrizioni alla quarta edizione del Master Maris

Il Master Maris, il master di 2°livello promosso dall'università Roma Tor Vergata, garantisce una formazione interdisciplinare sui temi dello sviluppo sostenibile, dell’innovazione sociale e della rendicontazione non finanziaria. Il corso, di cui ASviS è partner, intende sviluppare le competenze del “Sustainability Manager” e innescare circoli virtuosi per la competitività delle imprese e la creazione di valore condiviso sul territorio. Presenta la tua domanda di ammissione.

Prosegue il ciclo di webinar dell'AsVeSS per orientare i territori del Veneto verso la sostenibilità

I corsi online, con il patrocinio dell'ASviS, nascono dalla necessità di un coinvolgimento sempre più significativo da parte dei territori nel raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile e nella predisposizione di politiche ed azioni sostenibili, eque e resilienti. Appuntamento l'11 gennaio, su Green deal e Next generation Eu, e il 1° febbraio, sul ruolo dei territori.