ASVIS - QUESTA SETTIMANA - Il ruolo della finanza e delle imprese nella lotta alla crisi climatica

30.10.2021 10:22

Mentre si attende l’esito del confronto tra gli Stati, è in aumento l’impatto degli investimenti “verdi” e l’attenzione delle imprese ai criteri ambientali e sociali. Le iniziative europee contro il “greenwashing”.

 

di Donato Speroni

Nei prossimi giorni, dall’esito del vertice del G20 a Roma e della Cop 26 di Glasgow, sapremo fino a che punto i più importanti Paesi del mondo saranno disposti ad agire per mantenere l’impegno preso a Parigi nel 2015 di contenere l’aumento della temperatura media mondiale entro 1,5 gradi centigradi e comunque non oltre i 2 gradi rispetto all’epoca preindustriale.

Intanto però possiamo registrare la crescita della sensibilità del mondo della finanza e delle imprese: la sostenibilità sta assumendo un ruolo crescente nelle strategie aziendali, sia per ragioni di mera sopravvivenza (nessuno può prosperare in un mondo insostenibile), sia perché i consumatori sono sempre più attenti a questi aspetti e una buona immagine contribuisce al successo.

Ovviamente c’è un forte rischio di greenwashing, come tutti possiamo notare, essendo quotidianamente bombardati da pubblicità che ci annunciano prodotti e comportamenti “sostenibili”. Tuttavia si stanno mettendo a punto normative, soprattutto a livello europeo, che dovrebbero consentire di distinguere meglio i comportamenti effettivamente sostenibili da quelli solo “verniciati di verde”.

Continua a leggere >>>
Segui la diretta dell'evento dell'ASviS alla fiera Ecomondo
L’incontro, in programma il 29 ottobre dalle ore 10.30, vuole essere una occasione per approfondire le misure in grado di accompagnare le aziende al rispetto degli adempimenti previsti dalla direttiva europea relativa alla due diligence su impatti ambientali e diritti umani. Ne discutono esponenti delle parti sociali ed esperti in materia. Introduce il presidente e portavoce dell’ASviS Pierluigi Stefanini.

Al via l'iniziativa "Un Goal al giorno":
17 focus per raccontare il Rapporto ASviS 2021

Attraverso news di approfondimento, grafici, video-interviste di esperti, e – novità di quest’anno – infografiche che sintetizzano i dati e alcune delle proposte più salienti, per 17 giorni saranno pubblicati, sul portale ASviS e nei suoi siti tematici per Goal, nonché sui canali social, dei focus dedicati a ciascun Obiettivo di sviluppo sostenibile (SDGs) dell’Agenda Onu 2030. Lo scopo della campagna è raccontare e ripercorrere l'articolata analisi contenuta nel Rapporto ASviS 2021 sulla posizione italiana ed europea rispetto al raggiungimento degli SDGs .

Segna in calendario l'evento "Obiettivo 2030 Laudato Sì"
L'8 novembre prenderà il via a Siena il progetto creato da Earth Day Italia e dall'ASviS per il dicastero dei Servizi per lo sviluppo umano integrale della Santa Sede con l’obiettivo di diffondere i temi dell’Agenda 2030 nei territori italiani. Previsti eventi, campagne informative e uno sportello informatico gratuito. Il primo incontro tratterà il tema dell’agricoltura sostenibile e delle comunità energetiche, alla presenza della sottosegretaria al Miur Barbara Floridia. Presto maggiori informazioni sul portale dell'Alleanza.

Partecipa al premio Verso un'economia circolare 2021
Il concorso, promosso nell'ambito dell'omonimo progetto da Fondazione Cogeme e da Kyoto club, arriva alla sua quinta edizione. Lo scopo del premio, destinato agli enti locali e al mondo delle imprese, è di sostenere percorsi che favoriscano il riciclo e riuso delle risorse nei sistemi industriali. L'iniziativa è patrocinata, tra gli altri, dall'ASviS. Le iscrizioni sono aperte fino al 26 novembre, scarica subito il bando!