ASVIS - QUESTA SETTIMANA - In questo mare tempestoso, i valori dell’Agenda 2030 sono la nostra scialuppa

07.11.2022 13:47

La situazione mondiale è peggiorata nei sette anni dalla firma del documento Onu e anche le previsioni per il futuro volgono al peggio. In attesa che la tecnologia ci regali soluzioni miracolose, dobbiamo contare sulle persone.

 

di Donato Speroni

Si chiama Hail Mary pass, il “passaggio dell’Avemaria”. Nel football americano, è un lancio molto lungo in avanti, con scarsissime possibilità di successo. Insomma, una mossa disperata quando chi controlla la palla ovale sta per essere atterrato dagli avversari. L’espressione è uscita ormai dagli stadi e John ThornhillInnovation editor del Financial times, la usa per commentare il nuovo libro dell’economista Nouriel Roubini: “Megathreats: The Ten Trends That Imperil Our Future, and How to Survive Them”. Roubini è stato tra i pochi a prevedere la crisi del 2008, insomma è uno da prendere sul serio quando parla di futuro; il fatto che sostituisca il termine Megatrends, creato quarant’anni fa da John Naisbitt e ormai di uso comune, con Megathreats, cioè “Megaminacce” non è certo rassicurante.

In sostanza, Roubini sostiene che il mondo, grazie anche ai bassissimi tassi d’interesse degli anni passati, ha superato il limite di gestibilità dell’indebitamento globale: quasi impossibile evitare A Great Stagflation Debt Crisis (maiuscole dell’autore), cioè la Grande Crisi da Debito e Stagflazione. Comunque se ne voglia uscire, che sia con allungamenti delle scadenze del debito, con nuove tasse o altro, saranno in ogni caso ricette dolorose.

Nell’elenco dei suoi Megathreats, Roubini aggiunge le conseguenze dell’intelligenza artificiale che fa strage di colletti bianchi:

Non vedo un futuro felice, nel quale l’automazione rimpiazza i posti che elimina con nuove occasioni di lavoro. Questa rivoluzione sembra terminale.

Ancora: il rischio di guerra tra Stati uniti e Cina; e ovviamente la crisi climatica

Tutte le ipotesi di soluzione che hanno una qualche possibilità di far fronte alle dimensioni di questo problema (per esempio le tasse sulle emissioni di carbonio o la sua cattura direttamente dall’atmosfera) sono politicamente impossibili o proibitivamente costose.

Sembra che non ci sia molto da fare, per impedire queste catastrofi. Thornhill nota che Roubini dedica solo sette paginette del suo volume alla “utopia di un futuro sostenibile”. Insomma, la situazione è quasi disperata, per salvarci serve un “passaggio dell’Avemaria”, che Roubini individua in un salto tecnologico.

Continua a leggere >>>
 
A Ecomondo l’evento ASviS sulla sfida delle
competenze per la transizione al lavoro

L’11 novembre, alla Fiera di Rimini, un dibattito sul tema delle risorse umane competenti in qualità e quantità adeguate per il passaggio a modelli più sostenibili. Sarà presentato anche il Quaderno su politiche Ue e Agenda 2030. L’incontro è a pagamento ed è necessario registrarsi a Ecomondo per partecipare.
Rappresentanza italiana all’Onu e ASviS:
al via il “Sustainability Channel”

Il canale, che vuole essere uno spazio virtuale per parlare di Agenda Onu 2030 insieme alla società civile, è stato lanciato all’interno del podcast dell’Italia all’Onu “Voci dal Palazzo di Vetro”. L'iniziativa sarà disponibile in lingua inglese per favorire la divulgazione internazionale.
Prosegue il ciclo di webinar ASviS-Deascuola sulla sostenibilità
Il ciclo di incontri, che ha preso il via il 26 ottobre, vedrà una nuova tappa del suo percorso nell'appuntamento del 10 novembre, che sarà incentrato sul tema del progresso della scienza per la pace e lo sviluppo. L'intera iniziativa è costituita da otto appuntamenti mensili, a cui è possibile iscriversi gratuitamente tramite il portale Deascuola.

Il nuovo governo alla prova della transizione ecologica

Piano industriale, politiche energetiche, pandemia e guerra: prospettive italiane ed europee. Su Radio Radicale la rubrica Alta sostenibilità, condotta da Manieri e Po, ospiti Di Marco, Muroni, Procaccini.
Partecipa alla settimana Cnesa2030
Il Comitato per l'educazione alla sostenibilità Agenda 2030 della Commissione nazionale italiana per l'Unesco organizza sette giorni dedicati all'educazione alla sostenibilità, durante i quali verranno affrontate tematiche legate all'autonomia energetica e alimentare. Le iscrizioni sono aperte fino al 14 novembre.
Ultime notizie
Leggi tutte le notizie >>>