ASVIS - QUESTA SETTIMANA - Le grandi disuguaglianze sono la peggiore minaccia al futuro dell’umanità

15.07.2022 15:51

L’Onu ci dice che la popolazione mondiale si stabilizzerà nella seconda metà del secolo. Ma senza politiche adeguate la dinamica demografica aumenterà gli squilibri. Anche in Italia la situazione sociale richiede misure coraggiose.

di Donato Speroni


Il 15 novembre di quest’anno la popolazione mondiale raggiungerà gli 8 miliardi. La previsione è contenuta nella nuova proiezione demografica dell’Onu, che conferma la vertiginosa crescita di questi decenni, ma ritocca sostanzialmente le stime per la seconda metà del secolo. È probabile che il ritardo di questa pubblicazione, a cadenza biennale, sia stato dovuto anche alla necessità di raggiungere il consenso tra i demografi. In sostanza, mentre la proiezione del 2019 prevedeva che la popolazione mondiale si sarebbe stabilizzata attorno agli 11 miliardi nel 2100, il nuovo calcolo prevede una stabilizzazione attorno ai 10,4 miliardi già dagli anni ’80, perché i tassi di fecondità scendono più rapidamente del previsto.

La dinamica demografica tenderà però ad accentuare le disuguaglianze tra le nazioni, perché è profondamente diversa nelle varie aree. A fronte di una popolazione del Nord del mondo che tende a invecchiare, ci sono Paesi, soprattutto in Africa ma anche in Asia, che continuano a crescere. Più di metà dell’aumento della popolazione proverrà da Repubblica democratica del Congo, Egitto, Etiopia, India (che già dal prossimo anno supererà la popolazione della Cina), Nigeria, Pakistan, Filippine e Tanzania. Tassi di fecondità elevati mal si conciliano con la lotta alla povertà, perché l’aumento del Prodotto interno lordo va a suddividersi tra un numero maggiore di bocche da sfamare. Come fa notare l’Economist, in Angola, dove la popolazione è cresciuta del 3% all’anno fin dagli anni ’70, la quantità di persone in povertà estrema, che guadagna meno di 1,90 dollari al giorno, è più che raddoppiata dal 2008 al 2018.

 

Continua a leggere >>>
 
Online il calendario degli eventi del
Festival dello Sviluppo Sostenibile!

Più di 50 iniziative sono già state registrate alla manifestazione organizzata dall'ASviS, che si terrà quest'anno dal 4 al 20 ottobre. Scopri le iniziative in programma e ricorda che se proponi il tuo evento entro fine luglio avrai maggiori opportunità di visibilità. Non perdere l'occasione, visita subito il sito del Festival.
Il crollo della Marmolada é una
delle prove dell'emergenza climatica
La tragedia che ha causato 11 vittime ribadisce l'urgenza della transizione ecologica, a partire dai comportamenti individuali. Ospiti Baccolo, D’Orefice, Rizzoli. In studio Manieri e Po.

PROSSIMA PUNTATA - Nell'High level political forum i Paesi Onu hanno discusso dello stato di avanzamento dell'Agenda 2030 nel mondo.
Ospiti Lo Iacono, Villafranca e Grandi.

Aperto fino al 20 luglio il bando "Bella storia. La tua."
Il progetto promosso da Fondazione Unipolis e patrocinato dall'ASviS è rivolto a studentesse e studenti che frequentano il secondo anno della scuola secondaria di II grado in Calabria e Campania. Le persone selezionate avranno la possibilità di partecipare a un percorso di crescita personale e culturale di durata triennale.

24Ore Business school: i corsi sulla sostenibilità aziendale
Per i professionisti che desiderino acquisire competenze in modelli di business sostenibili, è possibile iscriversi al master online in “Strategia e gestione della sostenibilità aziendale”, in partenza il 25 agosto, e al master in “Strategie di sostenibilità aziendale” al via il 16 settembre, organizzati dalla 24Ore Business school in collaborazione con l’ASviS.