ASVIS - QUESTA SETTIMANA: Non è retorica dire che il 2021 sarà determinante per il futuro dell’umanità

18.12.2020 19:43

La pandemia ci ha costretto a ripensare la nostra quotidianità affrontando problemi finora accantonati: l’inefficienza del sistema Italia, il futuro dell’Europa, la necessità di impegni globali per clima e migrazioni.

di Donato Speroni

Io penso positivo

Perché son vivo, perché son vivo.

Niente e nessuno al mondo

Potrà fermarmi dal ragionare...

Hanno un suono diverso, oggi, i versi di Lorenzo Jovanotti con i quali aprivo l’ultimo editoriale del 2019. Un anno fa “essere vivo” era un dato di fatto, oggi sembra un dono del Cielo, soprattutto per chi ha una certa età. Guardando avanti, sappiamo che anche il 2021 sarà un anno difficile, con molte morti e molta miseria, finché la vaccinazione universale non riuscirà a ristabilire una “nuova normalità”. Già, ma come sarà questa normalità? Oggi l’invocazione a “ragionare” della canzone di Lorenzo trova (spero) orecchi più disposti ad accoglierla. Una cosa abbiamo capito: la curva del progresso dell’umanità può salire o scendere a seconda dei nostri comportamenti, ma comunque non è una linea continua, procede a sbalzi. La pandemia ci ha insegnato che il domani non è necessariamente un oggi un po’ migliore o un po’ peggiore, ma d’improvviso può rivelarsi profondamente diverso. Abbiamo tutti imparato che bisogna essere resilienti, pronti ad affrontare altre crisi, magari peggiori di questa. E che per questo bisogna, appunto, ragionare.

Abbiamo anche qualche elemento in più per “pensare positivo”. La lotta alla pandemia ha messo in moto una collaborazione scientifica globale senza precedenti. Le elezioni americane hanno segnato la fine di un’epoca oscura e dovrebbero consentire di rimettere in moto il sistema degli impegni multilaterali. Per rispondere alla sfida del Covid l’Europa ha varato misure senza precedenti, che possono aprire la strada a una maggiore integrazione. Il faticoso travaglio con il quale l’Italia cerca di partorire il suo piano di ripresa e resilienza rivela anche la debolezza delle nostre strutture amministrative, i divari mai risolti, le priorità sbagliate delle passate scelte pubbliche a cominciare dai tagli alla sanità.

È dunque il momento di riflettere sulle sfide che ci attendono nel 2021.

Continua a leggere >>>
La prossima newsletter sarà diffusa l’8 gennaio 2021. Auguri da tutta la redazione!

Scarica il Rapporto ASviS
su territori e sviluppo sostenibile


Il primo Rapporto ASviS “I territori e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile”, presentato il 15 dicembre nel corso di un evento online, analizza l'avanzamento dei territori verso il raggiungimento degli Obiettivi dell'Agenda 2030. All'incontro di presentazione hanno partecipato, insieme al ministro Provenzano, rappresentanti delle istituzioni nazionali, regionali e locali. Scarica il rapporto e guarda il video dell'evento.

Ultimi giorni per iscriversi alla "Innovability School", percorso formativo per start-up sulla sostenibilità


In scadenza le iscrizioni alla Innovability School, la scuola per l'innovazione e la sostenibilità organizzata dall'ASviS, in collaborazione con Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia attraverso Uniser, Fondazione Enel, Fondazione Lars Magnus Ericsson e la Rus. L'Innovability School offre un percorso di formazione e affiancamento delle start-up che riconoscono nello sviluppo sostenibile un modello di business per ottenere risultati positivi, soprattutto in termini di creazione di valore da parte delle imprese. Previste per i partecipanti selezionati delle borse di studio “Full Scholarship”. Iscriviti entro il 20 dicembre.

Alta Sostenibilità:
Serve un cambio di passo per mantenere le promesse sul clima


Le occasioni del G20 e della Cop 26, gli impegni per la neutralità climatica, il ruolo della diplomazia. Se ne è discusso su Radio Radicale ad Alta Sostenibilità, la rubrica dell'ASviS in onda ogni lunedì alle 12:30, condotta da Valeria Manieri e Ruggero Po, con gli ospiti Francesco La Camera, direttore generale Irena, Donato Speroni, referente del Segretariato ASviS nel Gruppo di lavoro sui Goal 7, energia pulita e accessibile, e 13, lotta contro il cambiamento climatico, Alessandro Motta, vice ambasciatore a Londra Ministro Plenipotenziario, membro della Joint Task-Force Uk-Ita per la Cop26.

Il Festival dello sviluppo sostenibile è in finale
per il premio SDG Action Award dell’Onu


L’iniziativa dell’ASviS, che nell’ultima edizione ha visto un’ampia partecipazione della società civile, è finalista nella categoria “Mobilize” del premio Onu. I vincitori saranno svelati durante l’SDG Global Festival di marzo.