Asvis - QUESTA SETTIMANA - Quei tredici brevissimi ma intensi anni che ci separano dal 2035

11.06.2022 16:33

La decisione europea di bloccare in data certa la produzione di auto con motore a scoppio ha messo la transizione ecologica al centro della scena. Anche l’Italia in questi giorni presenta i suoi programmi, con pregi e difetti.

di Donato Speroni

Vi ricordate che cosa accadde nel 2009 nel nostro Paese? Vi rinfresco la memoria: il terremoto dell’Aquila e l’esplosione dei vagoni cisterna alla stazione di Viareggio, Silvio Berlusconi colpito al capo con una statuetta in Piazza Duomo a Milano, la morte di Mike Bongiorno e Susanna Agnelli... Il sito San Marino fixing pubblica una puntigliosa cronologia annuale, dove per quell’anno i fatti negativi prevalgono sulle notizie liete, ma non è certo colpa degli estensori nella Repubblica del Titano.

Il punto che mi preme è un altro. Tranne forse per i più giovani che non ne hanno memoria diretta, questi avvenimenti nel nostro ricordo sembrano ancora molto vicini, eppure sono passati tredici anni.

È la stessa distanza che ci separa dal 2035, anno in cui l’Unione europea ha deciso che non si potranno più produrre auto con motore a scoppio. In poco più di un decennio dovremo assistere a una rivoluzione gigantesca, dalle infrastrutture (colonnine di ricarica per le auto elettriche diffuse in ogni comune europeo) all’impatto sull’automotive con centinaia di migliaia di posti di lavoro a rischio in tutta Europa perché la manifattura di un’auto elettrica è molto più semplice, anche se alcune componenti come le batterie le rendono molto costose. E ancora: un forte impulso alle energie rinnovabili (non avrebbe senso potenziare le auto elettriche se poi si dovessero alimentare con energia proveniente da carburanti fossili); un vero e proprio sconvolgimento degli equilibri produttivi globali, perché la Cina, che si parli di batterie o di pannelli solari, sembra molto più avanti dell’industria europea.

Continua a leggere >>>
 
L’analisi ASviS: a che punto è
l'Europa rispetto agli Obiettivi di sviluppo sostenibile?

L’Alleanza ha presentato l’aggiornamento sull’evoluzione europea rispetto ai 17 Obiettivi dell’Agenda 2030, evidenziando nel 2020 un rallentamento dei progressi. L’Italia, con la pandemia, ha perso posizioni in Europa; penultima su lavoro, disuguaglianze, pace, giustizia e istituzioni solide. Scarica il documento!
ASviS Live: immigrazione e futuro demografico del Paese
L'incontro, organizzato da FuturaNetwork (sito sugli scenari futuri nato dall'ASviS), intende stimolare i partiti italiani ad affrontare la questione delle migrazioni nella prospettiva dell’equilibrio demografico del Paese a metà secolo. L'iniziativa rappresenterà la quarta tappa di avvicinamento al Festival dello Sviluppo Sostenibile.
Alla Scuola di Siena sullo sviluppo sostenibile
appuntamento con Giovannini e Sachs

Al via la fase in presenza della Siena International school on sustainable development, la scuola di alta formazione dedicata quest’anno alla decarbonizzazione. Due gli eventi pubblici online: il 13 giugno, tra i relatori, il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini; il 17 giugno, l’economista della Columbia university Jeffrey Sachs.
Alta sostenibilità: a che punto è la
strategia nazionale di sviluppo sostenibile?
Al centro della puntata del 6 giugno l’High level political forum, il summit Onu di luglio che fa il punto sull’attuazione dell’Agenda 2030, e l’aggiornamento della strategia italiana sulla sostenibilità. A che punto siamo? Ne hanno discusso Midulla (Wwf), Lo Iacono (ASviS) e Speroni (FuturaNetwork), nella trasmissione condotta da Valeria Manieri e Ruggero Po.
Aperto fino al 20 luglio il bando "Bella storia. La tua."
Il progetto promosso da Fondazione Unipolis e patrocinato dall'ASviS è rivolto a studentesse e studenti che frequentano il secondo anno della scuola secondaria di II grado nelle regioni Calabria e Campania. Le candidature selezionate avranno la possibilità di partecipare a un percorso di crescita personale e culturale realizzato dall'organizzazione.