ASVIS - QUESTA SETTIMANA: Questa Italia non può reggere la prossima pandemia da sviluppo insostenibile

13.11.2020 17:21

Forse il mondo si rimetterà a correre, con Biden, i vaccini e qualche conflitto in meno, ma l’allarme crescente per il futuro dell’umanità imporrà governi saldi ed efficienti. Per non restare al palo l’Italia, come la Ferrari, deve essere ridisegnata.


di Donato Speroni

 

Da quando se n’è andato l’ineguagliabile Massimo Bordin, la rassegna stampa di Radio radicale è affidata a rotazione ad altri giornalisti. In questi giorni “Stampa e regime” è stata condotta da Carlo Romeo, direttore generale della Radiotelevisione di Stato di San Marino, sempre molto stimolante nei suoi commenti. Martedì 10 Romeo se n’è uscito con un’idea folgorante che prendeva spunto dall’inserto settimanale “Buone notizie” del Corriere della Sera, un supplemento che tra l’altro è sempre molto attento alle attività dell’ASviS.

Che bello se si potesse fare tutti i giorni un quotidiano di Buone notizie, con un inserto settimanale per le cattive!

Ovviamente il collega si riferiva alle buone notizie vere, non ai giornali che nascondono le cose spiacevoli perché il governo glielo impone, come accade per i media dei regimi dittatoriali.

Questa settimana il sogno di Romeo è sembrato avverarsi: Joe Biden con Kamala Harris ha vinto le elezioni presidenziali negli Stati Uniti, i vaccini contro il Covid sembrano a portata di mano, nel Nagorno-Karabakh non si spara più e persino in Libia le fazioni hanno concordato una data per nuove elezioni.

Sappiamo che tutto può ancora andare storto. I capricci di Donald Trump e i farraginosi meccanismi istituzionali americani impediscono l’avvio del passaggio delle consegne alla Casa Bianca; molti esperti ci avvertono che prima di disporre davvero di vaccini sicuri per una protezione di massa potrebbe passare un altro anno; le armi dei combattenti non sparano più, ma sono ancora cariche. E purtroppo le cattive notizie non mancano, nell’immediato: gli ospedali pieni, il nuovo blocco dell’economia, un altro morticino nel Mediterraneo, una mezza guerra civile in Etiopia.

Proviamo però a immaginare che il sogno di Romeo, che è anche il nostro sogno, possa davvero avverarsi e chiediamoci come potrebbe essere il mondo tra cinque anni se le cose andassero per il verso giusto. È un esercizio che all’ASviS facciamo spesso, considerando anche che, con altri soggetti che guardano avanti, abbiamo creato il sito Futuranetwork.eu proprio allo scopo di discutere oggi le scelte necessarie per un futuro economico, sociale, istituzionale e ambientale che sia sostenibile per l’intera umanità e per il pianeta.

“Futura” è il plurale latino di futurum, perché gli scenari sono sempre molteplici e non è detto che quello che sto per proporvi si realizzi. Ma ragionarci può essere un utile esercizio e un articolo di William Valentini che raccoglie le opinioni di esperti di tutto il mondo ci aiuta a coglierne i diversi aspetti.

Continua a leggere >>>

Prosegue "Un Goal al giorno", l'iniziativa che racconta il Rapporto ASviS 2020

Lanciata il 26 ottobre, la campagna ASviS "Un Goal al giorno" fornisce un'analisi tematica sulla posizione italiana ed europea rispetto ai 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile, illustrando le proposte dell’Alleanza, condivise dagli esperti delle sue 270 organizzazioni aderenti, contenute nel Rapporto "L'Italia e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile", per portare il Paese sul sentiero di uno sviluppo che non danneggi il nostro futuro e le prossime generazioni. Sul sito dell'ASviS e sui social sarà pubblicato ogni giorno un approfondimento e un video su uno dei Goal. Segui la campagna su FacebookTwitterYoutubeInstagram e Linkedin con gli hashtag #RapportoASviS #1Goalxgiorno.

La gestione mondiale della pandemia non è stato un buon esempio di governance

La crisi pandemica ci ha colti impreparati, creando tensioni politiche tra e all’interno dei Paesi. La risposta fornita può essere vista come una preparazione alle future crisi? Se ne è discusso su Radio Radicale nella rubrica ASviS condotta da Valeria Manieri ed Elis Viettone, con gli ospiti Ranieri Guerra (Oms), Stefano Vella (Università Cattolica di Roma) e Carla Collicelli (ASviS).

ASviS al Festival del Futuro, per dibattere di cambiamento climatico e gestione delle emergenze

Torna il Festival del Futuro, quest'anno in versione online, promosso da Harvard Business Review Italia, Eccellenze d’Impresa e Gruppo Athesis, al quale partecipano anche ASviS e FUTURA network. Un evento che mette al centro del dibattito i macro-trend destinati a influenzare il nostro futuro. Giovedì 19 novembre interverranno tra gli altri anche Enrico Giovannini, portavoce dell'ASviS, e Donato Speroni, caporedattore ASviS. La diretta del Festival verrà trasmessa anche dai canali di FUTURA Network.


Global Goals Kids' Show Italia: la sostenibilità spiegata ai bambini in 17 puntate

Prosegue il progetto dell'ASviS e della Fondazione Edoardo Garrone che prevede 17 puntate, una per ogni Obiettivo dell’Agenda 2030, con la partecipazione dell’attrice Carolina Benvenga. Ogni clip si apre con una breve spiegazione sull'Agenda 2030, seguita da un approfondimento sull'Obiettivo e alcuni esempi concreti di comportamenti e azioni alla portata dei più piccoli. Le puntate sono visibili su Rai Yoyo e sui canali online dell’ASviS e di tutti i partner del progetto.