ASVIS - QUESTA SETTIMANA - Questa volta parliamo di noi: un anno di successi che non erano scontati

17.12.2021 17:37

Pandemia, cambio di struttura, rischio di banalizzazione del concetto di sostenibilità, aumento dei contrasti sulla transizione energetica: al termine di un 2021 difficile, l’assemblea degli Aderenti ASviS ha condiviso un bilancio largamente positivo.

di Donato Speroni

Abbiamo superato quota 300. Quest’anno altri 18 soggetti, impegnati nella realizzazione di uno o più Obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu, sono stati ammessi su loro richiesta all’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile (ASviS) portando il numero complessivo degli Aderenti (al 2 dicembre) a quota 316. A questi si aggiungono 284 organizzazioni a cui finora è stata concessa la qualifica di “associato”, che consente di collaborare con l’Alleanza su specifici progetti.

Il dato è stato fornito all’assemblea di fine anno dell’ASviS che si è svolta il 14 dicembre. Un incontro purtroppo ancora on line, ma molto partecipato, con dodici interventi nel dibattito dopo quelli dei presidenti Marcella Mallen e Pierluigi Stefanini.

Si potrebbe continuare con i numeri: oltre 770 eventi su tutto il territorio nazionale e anche all’estero, realizzati nel corso del Festival dello Sviluppo Sostenibile; 86mila utenti unici al mese sul portale asvis.it (dati del novembre scorso); crescita di oltre il 170% dei visitatori di futuranetwork.eu; quasi 50mila follower su Facebook e oltre 18mila su Twitter; oltre 14mila articoli in dodici mesi, che citano l’Alleanza.

Per non parlare di tutte le attività non quantificabili così semplicemente: pubblicazione di rapporti, comunicazione, advocacy, educazione allo sviluppo sostenibile, ricerca, attività sui territori. E ancora, le audizioni in parlamento e tutta l’attività “politica” (nel senso più nobile) per l’affermazione dello sviluppo sostenibile in Italia. Come è stato sottolineato in molti interventi in Assemblea, possiamo dire senza temere di essere smentiti che quest’anno l’ASviS è ulteriormente cresciuta. L’unanimità nella riconferma dei presidenti è anche una prova della sostanziale unità della organizzazione nel perseguimento dei suoi scopi, anche se si tratta di una struttura composta da realtà molto diverse.

Tutto questo non era affatto scontato. C’erano da affrontare almeno quattro sfide che cerco di raccontarvi da giornalista, sforzandomi di presentare le cose con obiettività nonostante il mio coinvolgimento.

Continua a leggere >>>
La newsletter di oggi chiude il 2021, la prossima sarà diffusa il 5 gennaio 2022. Cogliamo l'occasione per augurare a tutti un buon Natale e serene feste!
Oltre la Cop26: dall’ASviS riflessioni sulla strada
da percorrere dopo Glasgow

L'Alleanza ha pubblicato due documenti per riflettere a mente fredda sui risultati raggiunti durante la Conferenza internazionale. Il primo testo, intitolato Cop26: dove stiamo andando?, è stato redatto dal Gruppo di lavoro Organizzazioni giovanili dell'ASviS, riportando anche le aspettative delle e dei 400 giovani che hanno partecipato alla Youth4Climate. Il secondo, La Cop26 di Glasgow, guardando oltre, diffonde il posizionamento dell’Alleanza in merito ai risultati del vertice e ai prossimi passi. Tra questi contenuti, anche un’intervista dell’Ansa alla presidente ASviS Marcella Mallen.

Pubblicate nuove schede nel Kit didattico per le scuole primarie
Il progetto educativo promosso dall'Alleanza e dall'associazione SulleRegole si arricchisce con quattro nuove card dedicate ai Goal 5 (Parità di genere), 7 (Energia pulita e accessibile), 9 (Imprese, innovazione e infrastrutture) e 10 (Ridurre le disuguaglianze). Lo scopo dell'iniziativa è di responsabilizzare le giovani generazioni e stimolare la loro partecipazione attiva verso il raggiungimento della sostenibilità. Scopri le novità sul sito dell'ASviS.

Alta Sostenibilità: che fare con gli autocrati se le
sanzioni economiche non bastano?

Durante la puntata del 13 dicembre della rubrica ASviS “Alta sostenibilità”, in onda su Radio Radicale, si è discusso di come contrastare le violazioni delle regole democratiche e dei diritti umani nel mondo. La trasmissione, condotta questa settimana da Valeria Manieri ed Elis Viettone, ha avuto come ospiti Roberto Menotti (Aspenia), Lia Quartapelle (Pd), e Donato Speroni (ASviS).

Nel prossimo appuntamento, su Radio Radicale lunedì 20 dicembre alle 12.30 e successivamente in download, si parlerà della scommessa sulle capacità dello Stato di far fronte all'invecchiamento delle infrastrutture italiane, dai ponti e gli acquedotti alle reti del gas.

Scarica il Rapporto ASviS 2021 sui Territori
Lo scorso 2 dicembre l'Alleanza ha pubblicato i risultati della seconda edizione del Rapporto sui Territori, uno strumento che ha lo scopo di misurare il posizionamento degli enti locali rispetto ai 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030. Nel documento vengono segnalati gli andamenti negativi rispetto a povertà, lavoro, energia e biodiversità, mentre migliorano giustizia, coltivazioni biologiche e salute. Il testo vuole anche stimolare il processo di territorializzazione dell’Agenda Onu. Leggi la cronaca e guarda anche il video sulle buone pratiche.