ASVIS - QUESTA SETTIMANA - Sapremo costruire un mondo giusto, per dieci miliardi di persone?

01.10.2021 15:19

La crescita demografica non si fermerà prima della seconda metà del secolo. Intanto alcuni Paesi ricchi, tra i quali l’Italia, devono affrontare il problema della denatalità. Anche su questi temi, come sul clima, servono soluzioni di lungo termine.

 

di Donato Speroni

Tutti parlano come Greta anche se vanno a carbone. Ma non c'è leader, non c'è partito che si conceda il lusso di mettere a fuoco quella gigantesca questione rimossa che è l'escalation demografica. Homo sapiens sfiora gli otto miliardi di viventi. Eravamo un miliardo due secoli fa, due miliardi un secolo fa, quattro miliardi mezzo secolo fa, negli ultimi cinquant'anni abbiamo raddoppiato i ranghi. Le Nazioni Unite stimano il traguardo dei dieci miliardi entro il 2080: significa che la crescita non è più esponenziale; è comunque costante e impetuosa. Essendo ovvio che il nostro numero, seppure molte varianti (tecnologia, economia, politica) possano mitigarne l'impatto sull'ecosistema, è una componente decisiva del problema, è lecito domandarsi come mai di questione demografica non si parli più. Incombe, ma è sfocata. Pesa, ma non è misurata. Erano noti, nel passato, gli ostracismi soprattutto religiosi nei confronti della contraccezione e di qualunque forma di denatalità. Ma oggi? Oggi che molti tabù sono caduti o in bilico, almeno nel mondo occidentale, perché non compare mai, nell'elenco delle questioni importanti, anche il nostro esorbitante numero?

Nella sua “Amaca” su RepubblicaMichele Serra pone una questione fondata: ci preoccupiamo tanto della sostenibilità, ma come mai non parliamo mai della bomba demografica?

Continua a leggere >>>
 
Dal 28 settembre al 14 ottobre, si svolge il Festival dello Sviluppo Sostenibile. La manifestazione mira a diffondere, tramite centinaia di eventi, la sostenibilità e l'Agenda 2030. Scopri di seguito tutte le novità!
Leggi la cronaca dell'evento di apertura del Festival
e guarda il Rapporto ASviS 2021
La nuova edizione della più grande manifestazione della società civile italiana dedicata alla sostenibilità si è aperta con la presentazione del Rapporto ASviS 2021. Mallen e Stefanini, presidenti dell'Alleanza, hanno illustrato il documento, ponendo l'accento su quanto l'Italia si sia allontanata, in quest'ultimo anno, dal raggiungimento dei 17 Obiettivi dell'Agenda 2030. Gli ospiti presenti, tra cui Enrico Giovannini, ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, hanno condiviso i loro punti di vista.


Pubblicato il Position paper elaborato dal Gruppo di lavoro Fondazioni per lo sviluppo sostenibile
Il documento ha lo scopo di definire alcune linee guida per rafforzare la condivisione, l’apprendimento comune e il ruolo delle Fondazioni italiane nel raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile. La divulgazione è avvenuta in concomitanza con l'edizione 2021 dell’evento di F20, il network costituito da oltre 60 Fondazioni dei Paesi G20, unite dall’impegno per l'implementazione dell’Agenda 2030 e dell’attuazione dell’Accordo di Parigi. Leggi anche l'introduzione e l'executive summary in inglese.

Scopri il programma del secondo evento
organizzato dall'Alleanza

Con l'obiettivo di contribuire alla ripresa dalla crisi da Covid-19, l'iniziativa propone una riflessione incentrata sui tre grandi eventi internazionali che si svolgono in prossimità e in collaborazione con il Festival: la Cop26, Expo Dubai e il G20 a presidenza italiana. Durante l'incontro, il 7 ottobre alle 9.40, sarà presentata anche la ricerca che l’Alleanza ha svolto sul posizionamento dei Paesi del G20 in base agli SDGs, realizzata grazie al contributo di A2a Cibjo. Tutor dell'incontro è l'Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics).

Altri principali appuntamenti della prossima settimana del Festival

Leggi le cronache degli eventi nazionali
Dalle fondazioni sei proposte per il clima ai leader G20: “è l’ultima chiamata”
Guarda la nuova puntata del Tg del Festival dello Sviluppo Sostenibile
di Elis Viettone, in collaborazione con Angela Nittoli. Grafiche e montaggio di Francesca Spinozzi
 
RIVEDI TUTTE LE PUNTATE DEL TG FESTIVAL
 

Le ultime novità dal sito dell'ASviS, per rimanere sempre informati sullo sviluppo sostenibile in Italia, in Europa e nel mondo.

Alta sostenibilitàsenza il coinvolgimento dei giovani
non c’è giusta transizione

Durante la puntata del 27 settembre della rubrica ASviS “Alta sostenibilità”, in onda su Radio Radicale, si è discusso del ruolo delle nuove generazioni nella lotta alla crisi climatica. La trasmissione, condotta questa settimana da Valeria Manieri e Ruggero Po, ha avuto come ospiti: Mariaflavia Cascelli (ASviS), Giovanni Mori (FridaysForFuture) e Domenico Vito (Rete Giovani 2021, Climate reality Eu team Italia).

Prorogata la scadenza per partecipare al forum
"Universities in action for the Un 2030 Agenda"

Oggi sarà ufficialmente inaugurata la fiera internazionale Expo Dubai 2020. Con l'inizio della manifestazione si aprono anche le candidature per l'evento, che si terrà il 18 gennaio, organizzato dalla Rete delle università per lo sviluppo sostenibile (Rus), al quale sono invitati a partecipare gli studenti e le istituzioni internazionali di istruzione superiore. Per entrare a far parte dell'iniziativa, entrambi i profili dovranno inviare un breve video: i primi per raccontare la loro visione circa il futuro delle università, le seconde per descrivere le loro best practice in tema di sostenibilità. Il forum è realizzato in collaborazione con l'ASviS. La scadenza per inviare la propria domanda è il 15 ottobre.

Iscriviti al Master Strategie di sostenibilità aziendale
Il corso, organizzato da 24Ore business school, ha l'obiettivo di promuovere la formazione di giovani neolaureati che vogliono diventare esperti di sostenibilità finanziaria e ambientale. L'iniziativa si rivolge anche a professionisti, come consulenti, commercialisti, revisori e imprenditori, che desiderano aggiornarsi e accompagnare le piccole e medie impresa nella sfida lanciata dal Next generation Eu. Il master è realizzato con il contributo, tra gli altri, dell'ASviS e partirà dal prossimo 15 ottobre.