ASVIS - QUESTA SETTIMANA: Solo l’Europa di Ursula può rilanciare l’Agenda 2030

30.05.2020 15:38

Il rapporto del segretario generale dell’Onu è sconfortante: la pandemia sta riportando in povertà miliardi di persone. Ma il segnale positivo che giunge da Bruxelles può trasformarsi in una strategia globale

di Donato Speroni

Non è un bel quadro, quello che si ricava dalla relazione annuale del segretario generale dell’Onu António Guterres sull’attuazione dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030. I progressi erano già stati troppo lenti nel 2019, ma l’esplodere della pandemia ha riportato molte pedine al punto di partenza o quasi.

La relazione viene preparata tutti gli anni in vista dell’High level political forum (Hlpf), l’incontro di verifica che si svolge a New York in luglio, nel quale i Paesi firmatari dell’Agenda presentano le loro National voluntary reviews (Nvr), i consuntivi del lavoro finora compiuto in attuazione degli SDGs. Quest’anno la riunione, Covid-19 permettendo, dovrebbe svolgersi con partecipazione fisica dal 7 al 16 luglio. Il tema enfatizza forte auspicio “Un’azione accelerata e percorsi trasformativi: come realizzare il decennio di azione e realizzazione per lo sviluppo sostenibile”. Ricordiamo che la Decade of action and delivery for sustainable development era stata lanciata da Guterres nel settembre scorso, nel corso dell’Assemblea generale dell’Onu dedicata appunto a un primo bilancio dell’Agenda 2030 quattro anni dopo la firma, che aveva constatato un progresso troppo lento per raggiungere gli SDGs. I Paesi che presenteranno le loro Nvr al prossimo Hlpf saranno 51 di cui 11 europei; 22 Paesi presenteranno la Nvr per la seconda volta. Ricordiamo che l’Italia ha presentato la sua Nvr nel 2017 e prevede di presentare un aggiornamento il prossimo anno.

Continua a leggere >>>
SAVE THE DATE: il 4 giugno non perdere il terzo appuntamento di "ASviS Live"
Dopo gli eventi del 21 e del 28 maggio, ASviS Live vi aspetta con il terzo e ultimo appuntamento "Ambiente, salute e società sostenibili: alla scoperta delle connessioni". L’evento si focalizzerà sulle interconnessioni tra i fenomeni ambientali e sociali, alla luce dell’esperienza epidemica. Parteciperanno alla discussione i rappresentanti di imprese e istituzioni che si confronteranno sul superamento della crisi nel rispetto dei criteri di sostenibilità.
Per celebrare la Giornata Mondiale dell’Ambiente, l’evento ospiterà il collegamento con la Living Chapel, un’installazione realizzata nell’Orto Botanico di Roma, punto di riflessione sull’importanza della tutela dell’ambiente, alla luce dell’Agenda 2030 e dell’Enciclica di Papa Francesco, Laudato Si’.
Per un pacchetto di investimenti a favore dello Svilippo Sostenibile
delle città e dei territori

Il documento, presentato il 28 maggio dall’ASviS come parte della propria analisi della ripresa dopo l’emergenza sanitaria, propone un programma da oltre 200 miliardi in 10 anni su ambiente, mobilità, trasformazione digitale, sanità e lotta alla povertà. Il documento è stato realizzato grazie ai contributi di un gruppo di esperti coordinati da Walter Vitali, direttore esecutivo di Urban@it e coordinatore del gruppo di lavoro dell’ASviS sul Goal 11 “Città e comunità sostenibili”.
Scarica il documento.

Il Decreto Rilancio e i 17 Obiettivi dell'Agenda 2030
L'ASviS ha analizzato il Decreto Rilancio alla luce dei 17 SDGs e delle categorie della resilienza trasformativa: prevenzione, preparazione, protezione, promozione e trasformazione. Le misure sono perlopiù orientate ai Goal 8 (lavoro), 9 (investimenti) e 16 (istituzioni). Oltre 210 azioni sono di protezione, 81 di promozione, 49 di preparazione, 21 di prevenzione e solo 20 di trasformazione. Scarica il documento.
Aperte le iscrizioni al Master in Sustainable Development Jobs
Il Master di secondo livello in Sustainable Development Jobs, promosso dall’università Milano-Bicocca e Fondazione G. Feltrinelli in collaborazione, tra gli altri, con ASviS, è un percorso multidisciplinare di alta formazione, che intende sviluppare competenze e conoscenze per affrontare le future sfide della sostenibilità: economia circolare, riorganizzazione degli spazi urbani, ideazione di nuovi modelli di consumo, integrazione di strumenti di progettazione partecipata, ma anche innovazione sociale,
comunicazione, sensibilizzazione.
PA sostenibile e resiliente – I migliori progetti che guardano al futuro per trasformare le crisi in opportunità
Individuare e promuovere i migliori progetti e prodotti che, attraverso l’innovazione, possono aiutare le amministrazioni a rispondere e adattarsi alle emergenze. È l’obiettivo dell’iniziativa promossa da Forum PA e ASviS all’interno del percorso #road2forumpa2020 e prevede due fasi (distinte e non complementari) per l’individuazione dei progetti: un contest video e un premio. La scadenza per l'invio dei video è martedì 9 giugno.

E INOLTRE...

Le best practice sul Goal 2

Scopri tutte le iniziative dell'agroalimentare che riparte
sul portale Poi - Segretariato italiano Prima
  • Xfarm: una delle start up più innovative nel settore dell’agricoltura di precisione
  • SicilyTaste: la distribuzione lenta al tempo del Coronavirus
  • Glocal impact network: provare a sconfiggere i danni del Covid in Africa
Economia post-Pil e transizione sostenibile: è il momento giusto?
di Matteo Spedicato, neolaureato magistrale in management della sostenibilità e del turismo presso l’Università di Trento

Oggi il Pil è la “regola del gioco” della macchina economica, indicatore utilizzato anche per decidere quale paese fa parte del G7. Studiosi e gli attivisti stanno cercando di elaborare diversi indicatori alternativi che possano influenzare il discorso pubblico e i processi istituzionali