Cure per la democrazia: dove crescono le nuove forme della partecipazione - 8 Febbraio 2023 - Futura Network

09.02.2023 15:24

Guerra e pace nel 2050, il summit del futuro, quattro scenari per Napoli, le sfide delle Tlc, la riqualificazione della scuola Enrico Fermi di Torino, il percorso verso lo sviluppo sostenibile, l’esplorazione del pianeta Terra vista da ieri

Bentrovati. Oggi cominciamo con l’analizzare alcune tra le più importanti iniziative per allargare il senso di partecipazione dei cittadini. Crescono, in Europa e non solo, gli esperimenti di democrazia deliberativa e di bilancio partecipativo, consultazioni, “mini-pubblici” e giurie popolari. Ma il focus di questa settimana guarda anche all’Italia, dove la riforma del Codice degli appalti avrà un forte impatto sullo strumento del Dibattito pubblico.
 
Nella rubrica video C’è futuro e futuroCarolina Facioni ci parla del numero 18 della rivista Futuri dell’Italian institute for the future, di cui è Chief scientist, dal titolo "Guerra & pace nel 2050".
 
Inoltre, con Roberto Pauraquattro scenari per la Napoli del futuro e le proposte per uscire da un presente che immobilizza. E con Flavio Natalela roadmap del summit sul futuro che le Nazioni unite organizzeranno nel 2024, ma che richiede decisioni immediate in vista di un vertice di preparazione nel prossimo settembre. Annamaria Vicini si interroga sulle criticità e le sfide per il settore delle telecomunicazioni. Se ne è discusso in un recente convegno del Cefriel.
 
Chiudiamo con le nostre rubriche: la prima scheda fattuale del blog Next Generation Schools, con l’esperienza della scuola Enrico Fermi di Torino; Enrico Giovannini sui sette anni dell’ASviS e il percorso verso lo sviluppo sostenibile; l’esplorazione del pianeta Terra, in un articolo pubblicato nel 1969 sulla rivista scientifica Sapere. E come sempre, i nostri Viaggi nel futuro.
 
Buona lettura.
 
a cura di Andrea De Tommasi
 

Focus. Cure per la democrazia: dove crescono le nuove forme della partecipazione

Sempre più Paesi puntano sul coinvolgimento dei cittadini attraverso consultazioni, giurie popolari e bilanci partecipativi. Il caso italiano: il dibattito pubblico e la riforma del Codice degli appalti.

di Andrea De Tommasi

 

Facioni: ”Dalla fantascienza alla realtà, future studies come reazione alla guerra”

 
"Guerra e pace nel 2050" è il titolo del nuovo numero della rivista "Futuri" dell’Italian institute for the future (Iif). Carolina Facioni, Chief scientist dell'Iif, ci conduce attraverso riflessioni di esperti raccolte prima dello scoppio del conflitto russo-ucraino.

video di Elis Viettone, montaggio e grafiche di Francesca Spinozzi
 
Notizie
Napoli e il suo futuro

Turismo, urbanizzazione, governance pubblica: limiti strutturali o possibilità di rilancio? Un’analisi sull’evoluzione passata, presente e futura di Napoli, tra “Città fallita” e “Città possibile”.

di Roberto Paura

Guterres: un vertice a settembre per preparare un “Summit del futuro” nel 2024

Il segretario generale delle Nazioni unite chiede agli Stati un cambio di passo sull’Agenda 2030. La nuova iniziativa punta a definire un “Patto” che potrebbe costituire la “dose di richiamo per gli SDGs”.

di Flavio Natale

Tlc: sarà l’anno della svolta?

Il settore delle telecomunicazioni soffre, con i gestori costretti a investimenti cospicui a fronte di ingenti perdite. Previsioni di crescita per 5G e Cloud. 

di Annamaria Vicini

Il futuro visto da ieri 
L'esplorazione, ieri, del pianeta Terra


Amilcare Giovanditto, in un articolo del 1969, ripercorre le tappe dell'impresa di Cristoforo Colombo. Tratto dagli archivi della rivista Sapere, attualmente pubblicata da Edizioni Dedalo.
 
Rubriche
"Torino fa scuola": il progetto di riqualificazione dell'istituto Enrico Fermi

Edifici scolastici sostenibili, inclusivi, accessibili e accoglienti: queste le parole chiave alla base dell'iniziativa voluta da Compagnia di San Paolo e Fondazione Agnelli, in collaborazione con la Città di Torino e la Fondazione per la Scuola. 

di Marco Gioannini, dal blog Next Generation Schools

L'ASviS compie sette anni: progressi verso la sostenibilità, ma Italia e mondo ancora fuori strada

La rubrica di Enrico Giovannini, direttore scientifico dell'ASviS, in onda tutte le settimane su Radio Radicale. (ASCOLTA LA PUNTATA)

 
 
 
 
 
Viaggi nel futuro
di Flavio Natale
  • Autocoscienza. Secondo uno studio riportato da Science News, alcuni pesci sarebbero in grado di riconoscere la propria fisionomia nelle foto e negli specchi, qualità solitamente attribuita agli esseri umani o ad altri animali considerati particolarmente intelligenti, come gli scimpanzé. Questo, si legge sulla rivista statunitense, potrebbe significare che l'autocoscienza è molto più diffusa di quanto pensiamo. “È opinione condivisa che gli animali con un cervello più grande siano più intelligenti degli animali con un cervello piccolo, come i pesci”, ha dichiarato Masanori Kohda, professore dell'Università metropolitana di Osaka. “Potrebbe essere il momento di ripensare a questo presupposto”.
     
  • “The last of us”. Dopo l’uscita della serie tv targata Hbo, basata sull’ipotesi di un’infezione fungina capace di “zombificare” gli esseri umani, in molti hanno cominciato a dibattere di questa ipotesi sul web. Storicamente, la migliore difesa del nostro corpo contro questi organismi è la temperatura media corporea (36,5 gradi), troppo elevata per la sopravvivenza fungina. Ma come riporta il Wall Street Journal, l'aumento delle temperature dovuto al riscaldamento globale potrebbe dare ai funghi l’opportunità evolutiva per adattarsi al caldo. “Dal momento che questi organismi sono esposti a temperature sempre più elevate, c'è una reale possibilità che alcuni funghi prima innocui diventino improvvisamente patogeni”, ha dichiarato Peter Pappas, specialista in malattie infettive dell'Università dell'Alabama. 
     
  • Extramani. Un gruppo di ricercatori europei sta perfezionando un sistema per controllare, tramite la mente, una “mano robotica extra”. A riportare la notizia è la rivista Ieee spectrum, dove si specifica che questa invenzione potrebbe fornire un “nuovo grado di libertà” agli esseri umani, garantendo un’operatività potenziata senza impegnare altre parti del corpo (non per niente, il nome del progetto è “incremento del movimento umano”). Un approccio promettente per raggiungere questo obiettivo prevede impianti cerebrali chiamati “interfacce cervello-macchina”, che richiederebbero però un intervento chirurgico. Altra strada da percorrere potrebbe essere quella dell'elettromiografia, procedura attualmente impiegata per diagnosticare le malattie neuromuscolari e verificare il corretto funzionamento dei muscoli e nervi periferici.
 
Eventi 

 

Contatti

Associazione di Promozione Sociale Januaforum

Sede legale- c/o Confcooperative Liguria - Via Varese 2
16129 Genova
Sede Operativa- Palazzo Lauro-Piazza della Nunziata 5
c/o Cofoundry - quarto piano

Mobile:
+393474403469 - Segreteria

+393358030663 - Cooperazione allo Sviluppo

+393482269515 - Progetto Casa - Home & Dry

+393477396364 - Educazione alla cittadinanza globale

+393939410121 - Presidenza

www.januaforum.it

Corsi di formazione

Questa sezione è vuota.