Dalla UE 53 milioni per sviluppare partnership fra città verso uno sviluppo urbano sostenibile

08.11.2018 12:04

Ha l’obiettivo di sostenere partnership fra città dell’UE e dei Paesi extra-UE che garantiscano uno sviluppo urbano sostenibile di queste ultime il nuovo bando lanciato alcuni giorni fa da Europeaid dal titolo “Local Authorities: Partnerships for sustainable cities” inquadrato nel programma DCI II – Organizzazioni della società civile e Autorità locali. Le proposte progettuali potranno andare a costituire nuove partnership o contribuire al miglioramento di quelle già esistenti allo scopo di sostenere le AL dei paesi partner nell’affrontare lo sviluppo urbano sostenibile attraverso misure di capacity building centrate su scambi peer-to-peer. Il bando ha una dotazione di oltre 53 milioni ed è suddiviso in quattro lotti geografici. Scadenza per l’invio dei concept note fissata per il 6 dicembre 2018

 

Il bando comprende 4 Obiettivi specifici:

O.S.1. Rafforzare la governance urbana

O.S.2. Assicurare che le città siano inclusive

O.S.3. Rendere le città più verdi e migliorarne la resilienza

O.S.4. Migliorare la prosperità e l’innovazione nelle città

Le proposte progettuali dovranno riguardare l’O.S. 1 e almeno uno degli altri tre O.S.

 

Priorità
Una proposta progettuale deve chiaramente evidenziare come le azioni proposte contribuiscono al raggiungimento dell’SDG 11 (Città e comunità sostenibili). Deve inoltre integrare nelle attività la promozione dell’apprendimento tra pari e/o scambi o dislocazioni di breve termine di funzionari di livello sub-nazionale esperti di sviluppo urbano sostenibile-gemellaggi/cooperazione decentrata. Deve infine promuovere approcci multi-stakeholder e multisettoriali.

Altre priorità: cooperazione triangolaresmart cities e creazione di lavoro. L’integrazione di almeno una di queste tre priorità sarà considerata un valore aggiunto del progetto. Il bando è articolato in quattro lotti geografici:

Lotto 1 – Africa Sub-sahariana35.651.603 €
Lotto 2 – Asia e Pacifico10.000.000 €
Lotto 3 – America latinaAmerica centrale e Caraibi10.000.000 €
Lotto 4 – Paesi della politica di vicinato (Sud e Est): 9.500.000 €

Dotazione complessiva: 53.151.603 €
 

Eleggibilità

Autorità locali o associazioni o reti di città. Possono essere partner (NON proponenti) anche enti/agenzie pubblici-semipubblici, Università e centri di ricerca. Le OSC NON sono eleggibili neanche in qualità di co-applicant.

 

Entità Contributo

Il contributo comunitario può coprire fino al 95% dei costi ammissibili (e non può scendere al di sotto del 50%) per un massimo di 5 milioni. Non saranno presi in considerazione progetti che richiedano un contributo inferiore a 2 milioni.

 

Procedure

I progetti devono avere una durata compresa fra 24 e 60 mesi e devono prevedere un partenariato di almeno 2 soggetti ammissibili costituito da almeno 1 partner UE e almeno 1 partner dello Stato beneficiario. Il proponente può essere indifferentemente dell’UE o dello Stato beneficiario.

Le proposte di progetto devono essere scritte in inglese, francese, spagnolo o portoghese e devono realizzarsi in massima parte in uno dei Paesi ammissibili per il lotto considerato (Allegato O del bando): sono possibili eccezioni per una parte marginale di attività (che vanno adeguatamente giustificate).

Scadenza per l’invio tramite Prospect dei concept note fissata per il 6 dicembre 2018.

 

Domani a Bruxelles è in programma una sessione informativa su questo bando. Sarà disponibile qui la diretta steaming dell’evento.

 

Modulistica e guidelines