Festival dello Sviluppo Sostenibile, Genova 21 Maggio / 6 Giugno

21.05.2019 15:13

Festival dello Sviluppo Sostenibile

21 Maggio / 6 Giugno
Tavolo Giustizia e Solidarietà
Festival Sviluppo Sostenibile
Email
 
A Genova...

Si svolgerà in tutta Italia - e anche a Genova - dal 21 Maggio al 6 Giugno il Festival dello Sviluppo Sostenibilepromosso da Asvis – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile e, a livello genovese, da una rete di enti di cui fa parte anche il Tavolo Giustizia e Solidarietà, coordinato da Caritas Genova.
È tutta italiana la più grande manifestazione internazionale sulla sostenibilità: 17 giorni, tanti quanti sono gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 sottoscritta da 193 paesi nel 2015. Imprese, società civile, istituzioni e cittadini sono chiamati a dare segnali costruttivi, ad un impegno forte, generale e condiviso, per cambiare il modello di sviluppo e produrre quella transizione necessaria per garantire la sostenibilità economica, sociale, ambientale e istituzionale e quindi un futuro di benessere a questa e alle nuove generazioni.

continua a leggere...

Le proposte del tavolo

 

Una questione soprattutto morale

di Gigi Borgiani, direttore Auxilium e coordinatore Tavolo Giustizia e Solidarietà 

Anche a Genova come in tutte le città italiane inizia in questi giorni il Festival dello Sviluppo Sostenibile che ha lo scopo di far crescere nella società italiana, nei cittadini, nei soggetti economici e nelle istituzioni la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030dell’ONU e di contribuire a realizzare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.
Si tratta di una occasione importante per approfondire i temi dell’Agenda e per rispondere consapevolmente e responsabilmente all’invito di Papa Francesco che, nella Laudato si’, ci chiama a prenderci cura della casa comune. Un impegno che riguarda tutti.
È urgente favorire lo sviluppo di una cultura della sostenibilità a tutti i livelli, orientando a tale scopo i modelli di produzione e di consumo verso nuovi stili di vita. Non è solo questione ambientale, ma economica e soprattutto morale. Perché solo cambiando l’uomo, migliorando non solo le condizioni di vita ma favorendo una società che dialoga, che costruisce, che cammina insieme, è possibile pensare ad un presente e ad un futuro per tutti. Per i credenti è una questione di coerenza. Vivere il dono della fede in un mondo sostenibile a partire da una città aperta, inclusiva, umana significa offrire a chi abita con noi, vicino a noi la possibilità di recuperare quella dimensione interiore che dà senso alla vita e che avvicina, attraverso il creato e le creature, al Dio che salva.

continua a leggere...

 
AGENDA 2030
OBIETTIVO 11
 
VIDEO
Festival Sviluppo Sostenibile 2019 - Mettiamo mano al nostro futuro
Intervista al prof. Enrico Giovannini, portavoce di ASviS
ASviS - Presentazione