IL NUOVO PIANO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI ESTERNI: L’INIZIATIVA IMPRENDITORIALE IN AFRICA E NEL MEDITERRANEO

11.12.2017 18:03

 

 Conferenza promossa da

Link 2007 - Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale - Agenzia Italiana per la cooperazione allo sviluppo


Roma , Martedì 16 Gennaio 2018, Palazzo della Farnesina

ore 14.30 - 18.30

 

Con la partecipazione del Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, del Viceministro della Cooperazione allo sviluppo Mario Giro, del Segretario Generale della Farnesina Elisabetta Belloni e di rappresentanti delle istituzioni nazionali ed europee, delle imprese e degli altri soggetti della cooperazione internazionale, la Conferenza intende approfondire le opportunità di attrazione degli investimenti privati per lo sviluppo sostenibile in Africa e nel Mediterraneo offerte dal nuovo Piano europeo per gli investimenti esterni (PIE) e dagli strumenti messi in atto: il fondo europeo per lo sviluppo sostenibile, le garanzie a copertura del rischio, l’assistenza tecnica, la promozione di contesti favorevoli agli investimenti e, più in generale, il sostegno finanziario nelle diverse forme (blending).


Il vertice Ue-Africa di Abidjan e il Business Forum Ue-Africa di fine novembre 2017 hanno proposto strategie di sviluppo sostenibile e partenariati innovativi a reciproco interesse per una crescita economica che generi lavoro stabile e benessere sociale diffuso. Uno degli strumenti immediati è il PIE, volto a stimolare gli investimenti e la creazione di posti di lavoro in Africa e nel Vicinato dell’Ue, incentivando l’iniziativa imprenditoriale e i finanziamenti del settore privato, con un chiaro obiettivo di sviluppo sostenibile.


Il PIE, nel solco degli obiettivi dell’Agenda 2030, propone nuovi accordi di partenariato e mette a disposizione, per il triennio 2018-2020, finanziamenti e garanzie per € 4,1 miliardi al fine di generare investimenti per un valore presumibile di 44 miliardi. E’ previsto un suo ampliamento nel prossimo bilancio Ue (2020-2026), con disponibilità di strumenti finanziari che potrebbero essere fino a dieci volte superiori.


L’Italia potrà giocare un ruolo primario se saprà agire in modo coerente e sinergico tra istituzioni, iniziative pubbliche e private, realtà profit e non profit, nell'ambito delle politiche e dei partenariati di cooperazione internazionale per lo sviluppo. Cassa Depositi e Prestiti è una delle istituzioni finanziarie operative selezionate per l’attuazione del PIE. Nel primo semestre 2018 spetterà alle imprese presentare proposte nei settori prioritari definiti: - energia sostenibile e connettività, - migliore accesso ai finanziamenti per PMI, - agricoltura sostenibile, imprenditori rurali e agribusiness, - città sostenibili, - digitale per lo sviluppo.


La Conferenza intende promuovere un’attenta comunicazione affinché il sistema Italia possa giocare un ruolo primario nell'attuazione del Piano europeo per gli investimenti esterni.

 

Partner: Amref, Avsi, Iabw, InfoAfrica

 

PER PARTECIPARE ALLA CONFERENZA OCCORRE REGISTRARSI QUI