La posta in gioco al Congresso mondiale delle famiglie di Verona

28.03.2019 11:58

Questo articolo nasce dal lavoro comune di un gruppo di giornali europei, Europe’s far right research network, in vista delle elezioni europee 2019. Ne fanno parte, oltre a Internazionale, Falter (Austria), Gazeta Wyborcza (Polonia), Hvg (Ungheria), Libeŕation (Francia) e Die Tageszeitung (Germania). Questo progetto ha vinto il premio Concordia-Preise per la libertà di stampa 2019.

Sono tutti seduti intorno al tavolo di legno della sala degli Arazzi di palazzo Barbieri, a Verona, la conferenza stampa è gremita di giornalisti. Gli organizzatori del Congresso mondiale delle famiglie (World congress of families, Wcf) sono sostenuti dal sindaco della città, il leghista Federico Sboarina, che è seduto al centro della tavolata e fa gli onori di casa, per ribadire l’appoggio delle istituzioni all’evento che raccoglierà a Verona, dal 29 al 31 marzo, i movimenti prolife,antiabortisti e antidivorzisti, di tutto il mondo.

www.internazionale.it/bloc-notes/annalisa-camilli/2019/03/27/congresso-mondiale-famiglie-verona