Libia, "Una malattia chiamata tortura" 2014-2018: i 4 anni di assistenza ai migranti sopravvissuti alla violenza

27.09.2018 11:13

 I campi lager libici sono solo fake news? La Libia è un porto sicuro per i migranti? La protezione umanitaria va abolita? Le strumentalizzazioni politiche amplificate a dismisura dai social network hanno creato un abisso tra gli eventi reali e la realtà virtuale proposta all'opinione pubblica. Il team di Medici per i Diritti Umani (Medu) che opera in Sicilia nel Progetto On.To per la riabilitazione delle vittime di tortura presenta quattro anni di attività nei centri di accoglienza della Provincia di Ragusa, nel CARA di Mineo e nell’Hotspot di Pozzallo. Di tutto questo se ne parlerà mercoledì 3 ottobre, alle 11, presso LILA, a Catania, in via Camillo Finocchiaro Aprile 160. La LILA è una associazione Onlus di volontariato che opera dal 1987 sull’intero territorio nazionale per la difesa dei diritti delle persone con infezione da HIV e per ridurre la diffusione delle infezioni a trasmissione sessuale.

www.repubblica.it/solidarieta/immigrazione/2018/09/26/news/libia-207422183/?rss