Newsletter ASviS - Dai “segnali deboli” sullo sviluppo sostenibile a un cambio di regime

19.04.2019 08:40

L’aumentata sensibilità dell’opinione pubblica, la mobilitazione dei giovani, ma anche il documento del Consiglio europeo e la mozione della Camera: percezioni e decisioni maturate negli ultimi mesi, destinate a dare frutti importanti.

di Enrico Giovannini

La newsletter, il portale e il TG dell’ASviS forniscono settimanalmente una massa notevole di informazioni, sintetizzandole, commentandole e rendendole fruibili anche per i non esperti. Ma periodicamente è necessario fare il “punto nave” e capire il senso e la velocità con cui il nostro Paese sta affrontando l’attuazione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Ebbene, il primo trimestre del 2019 ha visto un insieme di analisi, decisioni e percezioni che non possono essere sottovalutate, sia a livello italiano che europeo. Forse si tratta di quelli che Moses Naim chiamava “segnali deboli” che improvvisamente configurano dei cambi di regime. 

In questi mesi sono stati pubblicati numerosi studi e rapporti sul cambiamento di atteggiamento dei cittadini, dei consumatori e degli imprenditori nei confronti dello sviluppo sostenibile. La rilevazione condotta a inizio anno per la Fondazione Unipolis e ASviS ha evidenziato che oltre l’80% degli italiani (percentuale che supera il 90% tra i giovani) è a favore di politiche per lo sviluppo sostenibile, con un chiaro aumento rispetto a tre anni fa. Analoghi risultati sono stati pubblicati da altri istituti, che hanno anche colto il cambiamento di attitudine degli italiani nelle scelte di consumo, con una crescente “selettività” degli acquisti a seconda dell’impegno che le imprese dimostrano sui temi del rispetto dell’ambiente, del trattamento dei lavoratori, dell’attenzione alla “filiera”. Analoghe attenzioni emergono tra i giovani più qualificati, che rifiutano offerte di lavoro provenienti da imprese non impegnate tu questi temi. [continua a leggere]

Buona Pasqua a tutte e a tutti. La prossima newsletter sarà pubblicata il 2 maggio.

#METTIAMOMANOALFUTURO: l’ASviS chiama all’azione per un futuro sostenibile


Attraverso i social media l’ASviS invita la rete dei suoi aderenti, i partner del Festival, la società civile e tutti i cittadini a rispondere alla call to action. Raccontaci quale tema legato alla sostenibilità ti sta più a cuore e su cui ti impegni tra quelli dell’Agenda 2030. Scopri di più
 
Vuoi partecipare al Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019? Proponi un evento!

Al via il Master sulla gestione della sostenibilità aziendale 
della 24Ore Business School


Il Master, organizzato in formula part time a Milano dalla 24Ore Business School, in collaborazione con Kpmg e con il contributo di Air, Andaf e ASviS, avrà inizio il 10 maggio. Il programma sarà incentrato su: sostenibilità e strategia aziendale per creare valore, impresa sostenibile e reporting non finanziario.
[continua a leggere]