QUESTA SETTIMANA - La società dei “tre zeri” contro il “mondo dei due terzi” che ci minaccia

08.06.2022 16:41

La Giornata dell’ambiente e l’imminente vertice annuale Hlpf sono occasione per un bilancio critico sull’attuazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile. Molte le proposte per cambiare rotta ed evitare un fallimento globale.

di Donato Speroni

Il percorso di questi decenni non è stato e non è tuttora lineare. Ha conosciuto battute d’arresto e colpevoli ritardi e, tuttavia, per dare futuro all’umanità dobbiamo essere capaci di governare i cambiamenti climatici, arrestare lo sfruttamento delle risorse non riproducibili, concepire lo sviluppo in termini di sostenibilità ecologica e sociale. (...) Destino dell’uomo e destino dell’ambiente non sono mai stati così strettamente connessi come nel nostro tempo.

Così si è espresso il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nella sua dichiarazione di domenica 5 in occasione della Giornata mondiale dell’ambiente, che celebrava anche i 50 anni dalla Dichiarazione di Stoccolma

che per la prima volta affermò in modo solenne, insieme al diritto alla libertà, all’uguaglianza e a condizioni di vita dignitose per ogni persona, anche il dovere di proteggere e migliorare l’ambiente per garantire il futuro alle nuove generazioni.

Con le sue parole Mattarella ha colto aspetti importanti: che la battaglia per la sostenibilità data ormai da mezzo secolo (quest’anno si celebrano anche i 50 anni del Club di Roma che nel 1972 pubblicò “The limits of growth”, la storica ricerca del Mit sui limiti della crescita); che questa battaglia è tutt’altro che vinta, con arresti e ritardi; che comunque non si possono accantonarne gli obiettivi, perché è a rischio il destino stesso dell’umanità, strettamente legato a quello dell’ambiente.

Toni altrettanto preoccupati si possono ritrovare anche nei documenti preparatori del prossimo High level political forum, l’appuntamento annuale dell’Onu per fare il punto sull’attuazione dell’Agenda 2030. In questa sessione anche l’Italia, come molti altri Paesi, presenterà la sua Voluntary national review, con l’aggiornamento della sua Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile, rispetto alla versione presentata nel 2017 dall’allora ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti. La nuova strategia è tuttora un work in progress, nel Forum promosso dal ministero della Transizione ecologica con il concorso della società civile (e la partecipazione dell’ASviS).

Continua a leggere >>>
 
 
 
20 giugno ora 16 - Metti in agenda il quarto ASviS Live su immigrazione e futuro demografico del Paese
L'incontro, organizzato da futuranetwork.eu (sito sugli scenari futuri nato dall'ASviS), intende stimolare i partiti italiani ad affrontare la questione delle migrazioni nella prospettiva dell’equilibrio demografico del Paese a metà secolo. L'iniziativa, quarta tappa di avvicinamento al Festival dello Sviluppo Sostenibile, offrirà una analisi delle posizioni di partiti e movimenti politici sul tema e riflessioni sulle politiche da adottare nel medio e lungo termine. Parteciperanno anche demografi, sociologi ed esperti di fenomeni migratori intervistati da Ferruccio De Bortoli.
Proponi il tuo evento nel Festival dello Sviluppo Sostenibile 2022 e scopri i vantaggi riservati alle candidature entro il 31 luglio
Partecipa alla più grande manifestazione italiana sulla sostenibilità, dal 4 al 20 ottobre! Anche quest'anno l'ASviS riserverà maggiori opportunità di visibilità agli eventi che verrano registrati entro fine luglio. L'Alleanza crearà uno spazio video esclusivo dove sarà possibile raccontare i motivi della propria partecipazione al FestivalUna selezione dei contributi più originali sarà valorizzata sui canali dell'ASviS. Candida ora il tuo evento!
Alta sostenibilità: tra guerra e pandemia cosa
rischia l’economia globale?
Durante la puntata del 30 maggio della rubrica ASviS “Alta sostenibilità”, in onda su Radio Radicale, si è discusso dell'andamento dell'economia globale e dei nuovi assetti geopolitici. La trasmissione, condotta questa settimana da Valeria Manieri ed Elis Viettone, ha avuto come ospiti Roberto Menotti (Aspenia), Azzurra Rinaldi (School of gender economics di Unitelma Sapienza), e Andrea Bonicatti (ASviS).
Visita la sezione del sito dell'ASviS dedicata
agli studi sulle pandemie alla luce del Goal 3

La pagina è dedicata alla letteratura scientifica che indaga il fenomeno delle pandemie e le interconnessioni tra la salute umana e la salute del Pianeta. Studi, ricerche e pareri di esperti che, da diversi punti di vista, analizzano l'emergenza sanitaria da Coronavirus alle luce delle evidenze scientifiche disponibili. Scopri subito gli ultimi aggiornamenti!
24 Ore Business school: pochi giorni prima dell'inizio
del master sulla sostenibilità aziendale

La prima edizione dell’Executive master in Strategie di sostenibilità e change management aziendale, organizzato dalla 24Ore Business School, inizierà venerdì 10 giugno. Sarà comunque possibile iscriversi alla formazione fino al 7 luglio: infatti, per le iscrizioni successive al 10 giugno sarà a disposizione la registrazione del primo appuntamento Live. Il corso, in collaborazione anche con l'ASviS, si rivolge a manager e responsabili aziendali interessati ad acquisire le competenze necessarie per affrontare la transizione ecologica.